mercoledì 22 aprile 2020

Farina di piselli

Durante la mia ultima incursione in un negozietto etnico, arraffai impulsivamente un pacchetto di farina di piselli tostata.
L'ho aperta solo un paio di giorni fa.
Stavo preparando, come spesso faccio, delle crocchette di erbe miste. Di solito aggiungo qualcosa per diluire un po' il gusto forte e per dare consistenza, tipo patate lessate o in fiocchi, farina di mais, riso cotto, pangrattato... stavolta ho voluto provare la nuova farina di piselli.

Avevo raccolto piattello, borragine, cicoria, foglie di papaveri, aglietti spontanei, biete, melissa,  qualche foglia di cardo spontaneo e  probabilmente anche dell'altro; scottati e passati in padella. Ho aggiunto provolone, sale, albume e, appunto, la summenzionata farina di piselli.
Ho fatto un impasto decisamente morbido, direi quasi liquido, messo in padella a cucchiaiate, cercando di dare un minimo di forma alle crocchette durante la cottura.


Mai mi sarei immaginata che il terribile potere addensante della farina di piselli si sarebbe manifestato in seguito, né, soprattutto, in tale misura.
Ne sono uscite delle polpette di buon sapore, ma la consistenza era probabilmente simile a quella della torta dei Flinstones, quella fatta con la polvere di marmo.

Come risolvere il problema?
Ho raccolto qualche piantina di allium triquetrum, le ho tritate e soffritte. Ho aggiunto le polpette marmoree ridotte a cubettini, ho aggiunto un vasetto della mia salsa di pomodori (annata 2018), e ho cotto qualche minuto. Ne é uscito un fantastico ragù. Ma non tanto per dire, é venuto davvero buono buono, infatti é avanzato solo questo in foto.



Morale: Attenzione alla harina de arveja tostada! Buona, ma da usarsi in modica quantità, e magari facendo riposare a lungo l'impasto prima di mettere a cuocere le polpette. Oppure persistere nell'errore e dare inizio a una nuova era nella storia dei falsi ragù. Farò  ulteriori esperimenti, le 'erbacce' non mancano.


Hasta luego.

5 commenti:

  1. Sei una sperimentatrice.
    Torta dei Flintstones mi ha strappato una risata! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per forza, mi hanno chiesto se le avessi fatte con la polvere di marmo... 😭 Dopo che una poveraccia passa ore a zappare, raccogliere, lavare e cucinare... vedi le soddisfazioni!
      per forza mi è venuta in mente la torta dei Flintstones. 😂
      Comunque ho già riutilizzato la famosa farina, senza brutte conseguenze. Polpette così morbide da sembrare budini, più che polpette. Mi resta da capire se posso mangiare i legumi sotto forma di farina o se li devo evitare sempre e comunque.

      Elimina
    2. Temi che possano essere correlate, le farine di legumi, alle tue intolleranze/allergie?
      Io sono fortemente intollerante alla soja, ad esempio.

      Elimina
    3. No, diverticoli. Devo evitare cibi integrali, cose che possono restare a pezzettini e legumi. Penso per le bucce. Qui pezzetti di bucce non ce ne sono. Dovrei chiedere. Poco meno di un anno fa sono quasi passata a miglior vita, per un attacco di diverticolite, e non vorrei lasciare immediatamente questa valle di lacrime.

      Elimina
  2. Ho trovato che le Boraginaceae comprendono 95 generi e oltre 2000 specie tra erbacee, arbustive, lianose e rari alberi!

    RispondiElimina

Grazie per il tuo commento.

Banca dei semi!!!

Finalmente è arrivato IL BUSTONE, come viene chiamato in gergo. L'ho trovato sul davanzale, lanciato dal mio postino acrobatico Nicolas....