mercoledì 30 dicembre 2020

Peperoni e zucchine

Penso di avere raccolto tutti i peperoni. (Avevo gli occhiali appannati).


Ho aperto una zucchina spinosa del cugino, e ho piantato  il seme. Lo so che si dovrebbe piantare la zucchina intera, ma tutte non le posso piantare, e mi sarebbe dispiaciuto buttare via il seme già mezzo germogliato , così l'ho messo nella terra. Come faccio con tutti i semi che sarebbero da buttare via. Spesso  attecchiscono anche se privati della polpa



Con la  polpa della zucchina ho preparato un sughetto, finito sopra ad una pizzetta e dentro alle crepes di albumi.


martedì 29 dicembre 2020

Neve

Bella, ma crea disagio. Avrei voluto spedire una busta di semi e tuberi. Ho spalato fino al cancello, poi ho rinunciato. Se penso alle nevicate di una volta, per esempio nei paesini di montagna dove per mesi potevano scendere solo con gli sci (e senza impianti di risalita) mi sento viziata.

Sarei viziata anche se pretendessi di spedire e di fare la spesa oggi. Fosse più urgente andrei. Come si vede dalla foto, altri l'hanno fatto.

Il problema è che si è ghiacciata, e ha ricominciato a nevicare. Pazienza.






lunedì 28 dicembre 2020

Altro regalo

Mio cugino mi ha regalato tante zucchine spinose! Alcune già con il germoglio.

Ho già qualche idea sul come prepararle, ma prima devo usare altre verdure: ho una zucca già aperta, e se non raccolgo gli ultimi peperoni, con la prevista ondata di freddo geleranno.



domenica 27 dicembre 2020

Regali inusuali

 Mi hanno regalato tanti ombrelli rotti, e anche un ombrellone.

Prima erano una montagna di ombrelli rotti. Ora li ho quasi tutti separati dallo scheletro, ho scucito quasi tutti gli spicchi e li ho stirati, così sono diventati un sacco di ombrelli rotti. Una parte di ombrellone è quasi diventata un sacchetto termico per la spesa, visto che il tessuto ha l'interno metallizzato.


Con l'ombrellino che stava in cima all'ombrellone ho fatto una copertina antipolvere per la stampante.


Chissà se hanno scelto colori così freddi con l'intento di rinfrescare chi si sarebbe riparato all'ombra dell'ombrellone.


sabato 26 dicembre 2020

Niente avanzi

Sono  pochi, quelli che cucinano a Santo Stefano o il lunedì dell'Angelo.
Non avendo ospiti con pretese, io adotto il sistema del "Cenone spalmato,"  che consiste nel cucinare e consumare le vivande abitualmente destinate al cenone, non tutte assieme, ma nei giorni precedenti o successivi all'evento. In questo modo preparo cose insolite, ma non mi abbuffo e non ho avanzi. 

Tolgo subito l'illusione che si tratti di una ricetta speciale. Nei giorni scorsi ho fatto cose tradizionali, buone, ma senza inventare niente. Non è necessario che io scriva come ho fatto l'insalata russa o il cappone ripieno.  
Oggi ho preparato una delle mie solite improvvisazioni.

Lo sformato prima della cottura

Nell'orto avevo borragine e tetragonia. Avrei potuto preparare degli ottimi ravioli alla borragine, ma sinceramente mi sembrava troppo faticoso. Avevo passato tutta la mattina estirpando oxalis in serra ed erano già le 11:15.

In dispensa avevo dell'improbabile pasta a forma di racchette. Giuro che non l'ho acquistata io.
Ho fatto una sorta di timballo di pasta per camuffarla.

Uno sformato dopo la cottura

Questo è un blog egoista. So che la ricetta non interessa a nessuno, ma siccome è riuscita bene, scriverò ugualmente gli ingredienti, tanto per ricordarmeli:
Pasta scottata pochi minuti
Borragine e tetragonia lessate nell'acqua della pasta (per abbattere i tempi) e tritate
Pancetta rosolata
La mia finta besciamella, con emmenthal 
due uova
Sale

Ecco le improponibili racchettine...

Ero partita con l'idea di allineare per benino tutte le racchettine di pasta sul fondo di una teglia, coprire con strati di composto alle verdure,  e proseguire in questo modo tipo lasagna; invece ho mescolato il tutto, ho diviso il composto in due ciotole, e ho finito di cuocere a microonde.  Così ho ottenuto due sformati. Due, perché ho "Il microonde della Barbie" e una ciotolona con 5 porzioni di pasta non ci sta, inoltre il forno a microonde da il meglio di sé con piccole quantità.

Brindisi con champagne di sambuco.


venerdì 25 dicembre 2020

Auguri

Che strano, essere qui a fare gli auguri di Buon Natale al tempo del covid.

Raramente ho motivi per cui  festeggiare, ma in genere, quando faccio gli auguri, sono aiutata dal mio ottimismo cronico e spero sempre che "funzionino" e che tutto andrà bene.

Quest'anno l'ottimismo è in calo: ero tentata di ignorare il Natale e di pubblicare la mia ultima improbabile creazione quasi-sartoriale

Mentre ero qui, nel cuore della notte, ad ascoltare il silenzio, con la compagnia del riverbero delle lucine proveniente dalla sala, ho deciso di farvi e farci ugualmente gli auguri, anche se con meno entusiasmo. Li esprimo tramite un disegno scarno e stilizzato, poco appariscente ma poetico, e una canzone cinica. Scegliete la versione di auguri che preferite, e...

Buon Natale   

Feliĉan Kristnaskon


https://youtu.be/DKv_oGjCTSw


















mercoledì 23 dicembre 2020

Panno umido

So che i miei video non piacciono, però anche questo potete saltarlo: metto i semi a pre germogliare nel panno umido. Sono stanca di ripetere come faccio, così alla prossima domanda del Cuore di bue, piazzo il link al video e siamo a posto.

Scusate l'inserimento di messaggi privati nel video: mentre registravo scambiavo messaggi con l'amica che aveva inviato alla banca dei semi i semi di Peonia. Non sono mai riuscita a fare una sola cosa alla volta.


Anche questo video c'è nell'anteprima e non nel messaggio. Proviamo qui:

https://youtu.be/awomMdjpc2Y

martedì 22 dicembre 2020

Banca dei semi 2020



Ho ricevuto la busta con i semi! Quest'anno tutti a sorpresa, non è stato possibile fare richieste.

Chi volesse vedere lo spacchettamento e condividere la mia gioia può farlo. 

Avviso che sono semplicemente bustine di semi, evitando di guardare non ci perdete niente.

lunedì 21 dicembre 2020

Zaglyptus multicolor (Gravenhorst, 1829)

Così mi hanno detto! Insetto difficilissimo da determinare, soprattutto se le foto non evidenziano tutti i particolari necessari. 






sabato 19 dicembre 2020

Pasta e carote

Quei malfidenti dei miei commensali non si sono fidati. Peggio per loro.

Ho lessato la pasta e l'ho condita con una carota grattugiata e un mix di gorgonzola dolce (che in teoria non contiene lattosio per sua natura) più stracciatella senza lattosio.

A parte che questa carota acquistata era quasi insapore, l'insieme mi è piaciuto molto.

domenica 13 dicembre 2020

Semine

Avevo  messo a pre-germinare una buona quantità di peperoni e melanzane.

Alcuni semi non erano vitali e stavano iniziando a marcire, ma molti stavano già emettendo la radichetta. Ho pensato di non rimetterli nel panno ma di seminarli. Per mancanza di spazio li ho messi a ciuffetti. Vedremo poi se sarà il caso di  ripicchettarli.

Melanzane autoprodotte nel 2016 e peperoni misti.

p.s.  la pigrizia mi ha suggerito di usare il panno carta, ma il mio solito tessuto sintetico è molto meglio. Si mantiene tutto più sano.

domenica 6 dicembre 2020

Ricette senza foto

Ricette strampalate riuscite bene, ma io dimentico sempre di portare di sopra il telefono.

Pizza-gnocco

Avete presente gli gnocchi alla romana? Questa "cosa" ha ben poco in comune.

A occhio: semolino cotto in brodo vegetale con grana, sale, noce moscata e piccolo pezzetto di burro. Dopo spento, un piccolissimo uovo intero. Ho steso l'impasto in un padellino antiaderente, e l'ho condito con salsa di pomodoro e grana. Cotto a fuoco molto lento senza girare. Tanto il semolino è già cotto, basta cuocere l'uovo e sciogliere il grana. Per chi ama il forno, direi forno o microonde più grill.


Tortini stramp-melati

Ho agitato bene il vaso col composto di varie farine preparato mi pare domenica, per mescolarle. A metà di questo composto ho aggiunto un pochino di lievito, albume, un goccio d'acqua e le mele preparate in precedenza (mele a pezzi piccoli, cotte in padella con un goccio di aceto di mele e zucchero). Ho messo l'impasto a cucchiaiate in una padella coperta, a fuoco bassissimo. Ogni cucchiaiata un biscotto. Il resto tutto assieme in una padellina anti aderente. Il tutto cotto con coperchio a fuoco basso, e girando a metà cottura. Per chi ama il forno, meglio il forno. Ovviamente si possono mettere uova intere, olio, burro, latte, panna, yogurt, liquore... tutto quello che vi piace. Io non ho messo né olio né burro. 


Cucinare è arte, non chimica. Mettere un cucchiaio d'acqua nella torta potrebbe renderla meno saporita, ma non la farà di certo esplodere. Osate! (Comunque i miei tortini/biscotti erano buoni, sono piaciuti anche alla vicina che fa le crostate mitiche e burrose. Oppure l'ha detto per essere gentile, non so).  

(Questa è la solita morale dedicata alle mie amiche precisine, che se non hanno la noce di macadamia o lo zucchero a velo vanno nel panico. Rilassatevi, che la vita è già abbastanza difficile senza complicarsela). 






venerdì 4 dicembre 2020

Il fico

Sono a buon punto con la potatura del fico grande. 

Ieri, approfittando di una giornata senza neve/pioggia, ho staccato il ramo più grande, cui stavo lavorando da giorni. Sto meglio, non voglio lamentarmi, ma impiego tantissimo tempo per riuscire a fare questi lavori pesanti. 

La cosa fantastica è che non mi sono fatta male.

Questo taglio all'apparenza folle ha consentito un minimo di supporto al ramo, che è crollato più lentamente. 

Ora è incagliato dietro alla protuberanza di un altro ramo. 

Cercherò di staccare man mano qualcuno dei rami secondari, sperando che cadrà mentre non sono nelle vicinanze. È talmente ramificato e contorto che non è facile prevedere da che parte cadrà.

Ho messo una lamiera a protezione della serra.


giovedì 3 dicembre 2020

Mascherine parte terza

Apportate tutte le modifiche necessarie per adattare la mascherina al viso, ho chiuso la fodera a macchina. Una cucitura a mano resterebbe invisibile, ma non he avevo voglia. 

.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.

Indispensable ribattere le cuciture a 3/4 mm. dal contorno.
.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.

Infilo l'elastico negli anelli, faccio un cappio con un capo e infilo l'altro capo nel cappio. 

Tiro i due fili che escono dal cappio. L'anello si stringe sempre di più, fino a intrappolare il capo infilato al suo interno. Si è "girato il nodo" e se è stato ben tirato non si scioglierà più.

Ovviamente si può annodare o cucire come si vuole, anche evitando gli anelli.
.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.

La mascherina "leggera" di oggi, da aggiungere ad una chirurgica.


Una mascherina con filtro cucito tra gli strati di tessuto (filtro non sostituibile), più rigida. 




martedì 1 dicembre 2020

Mascherine, parte II


Dopo aver provato la mascherina e tolto il tessuto in eccesso...


...resta solo da cucure la parte mediana, dalla punta del naso al mento. 


Sarebbe meglio cucire entrambi gli strati con un'unica cucitura a vista nella parte interna, o, meglio ancora, fare seguire una cucitura inglese a vista, all'esterno, che tiene di più ma è più brutta. 

.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.

La cucitura interna che facevo di solito

La cucitura interna che facevo di solito.

.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.

Chiusa parentesi, torniamo al modello attuale. 

Stavolta volevo avere la parte sotto al mento più liscia, così ho cucito dal rovescio, partendo dal naso, arrivando sotto il mento, e risalendo per alcuni centimetri dalla parte della fodera bianca. Resta un piccolo spazio aperto per poter raddrizzare il tutto.

.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.

Ho provato la mascherina, ho apportato una modifica e ho tagliato il tessuto in eccesso.

Quasi fatto, mancano poche rifiniture 👍👋

lunedì 30 novembre 2020

Mascherine, parte I

All'inizio non ne volevo parlare, perché in rete ci sono già troppi modelli.

Ora non se ne vede la fine e me l'hanno chiesto. Il problema è che non ne faccio mai due identiche.

Già: ne faccio tantissime, perché... le perdo. E ogni volta inserisco delle modifiche, di forma o di sostanza.

Prima le facevo con all'interno il tnt delle mascherine chirurgiche. Conviene?  Secondo me sì. Le mascherine chirurgiche lasciano spazio nella parte vicino alle orecchie, si respira benissimo, ma è come se non ci fossero. Ora le chirurgiche le metto sotto, nel senso che, quando vado in una zona un po' affollata, indosso prima una mascherina chirurgica e sopra una in tessuto, sottile, senza imbottitura, che la tiene bene aderente al viso. Chi è abituato ad indossarle sul mento, attaccate all'orecchio, sulla fronte, o sul polso, ovviamente non ha l'esigenza che le mascherine siano aderenti. Lo svantaggio è che la mascherina non imbottita resta più molle e difficile da tenere a posto.

Questo è l'ultimo modello fatto, la prossima volta lo allungherò un po' sotto il mento. 


Non so perché, la foto è capovolta. 
Sopra il modello, sotto due strati di tessuto con i diritti contro, contorno con normale penna cancellabile, (che svanisce col ferro da stiro), ritagliato grossolanamente. 
.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.

Ho fissato due anelli di nastrino per lato anziché mettere direttamente l'elastico. Altra mia fissazione: resta più aderente. 
Ho cucito e poi rifilato a 2/3 mm. la parte sinistra, superiore e destra del modello, ripassando dove ci sono gli anelli.
.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.

Ho raddrizzato il modello stirando le cuciture prima dall'interno e poi all'esterno.

.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.

Ho messo due elastici provvisori per provarla e terminare il lavoro. Prima che mi arrivasse l'elastico apposito, usavo sempre questi normali elastici di lattice. Gli elastici appositi li ho ordinati perché dovevo farle per degli amici che le avrebbero indossate per molte ore di seguito. Ovviamente ora li uso anche io.

Fine prima parte 👋


domenica 29 novembre 2020

Crema di castagne

 Anch'essa pigra.

Fatta con farina di castagne. Con le castagne vere viene molto più buona. In questo caso la pigrizia non paga.

Ho preso: Farina di castagne, acqua, zucchero, cacao e un po' di agar agar. È il mio "periodo agar".



Sembra molto dura, ma è perché la tengo in frigo

Consiglio: non siate pigri come me. Nella farina di castagne, (oltre ai bruchi tritati, ma gli insetti tritati ci sono in tutte le farine) ci sono le bucce, che la rendono un po' agra.


sabato 28 novembre 2020

Fiori

Rosa La sevillana

Calamintha Nepeta. Dietro si intravede la campanula takesimana Elizabeth

 Clematide

 Bocca di Leone

Rosa Sanguinea

Plectrancthus.
Attorno l'aglietto rosa per Luciano.

 

mercoledì 25 novembre 2020

Chia

Le piante di chia (Salvia hispanica) sono ancora molto belle.

Ne ho trapiantate un paio in serra.




martedì 24 novembre 2020

Senecio angulatus

Inizia a fiorire.

Dopo la fioritura dovrò eliminare tutta la parte aerea, è un ammasso denso quasi quanto un buco nero.















Pare sia assolutamente inutilizzabile. 


Tricyrtis 'normale'!

Sembrava che quest'anno fiorisse solo la Tricyrtys Raspberry mousse.  Invece è semplicemente Fiorita prima.ora è il turno di quella norm...