venerdì 31 dicembre 2021

Esperanto

Ho pensato, a partire da oggi, di inserire di tanto in tanto una microlezione di esperanto. Niente di spaventoso, niente di impegnativo, facile da saltare da parte di chi non ha interesse.


Lezione 1: le vocali.


L'Esperanto ha 5 vocali, e si pronunciano come in italiano.


A   E   I   O   U  👍



Un esempio di parole che iniziano con le vocali, e che si pronunciano esattamente come in italiano

Ami. In italiano = tu ami, o gli ami da pesca. In Esperanto amare, verbo all'infinito
Adamo. Si pronuncia come in italiano.

Estro. In italiano estro creativo, in Esperanto significa "capo".
Edipo.

Iris. In italiano è un fiore. In Esperanto è l'imperfetto e il passato di tutte le persone del verbo andare. Io andai, tu andavi... è sempre Iris. 
Irene


Olga, Odino


Urano
Queste parole e questi nomi si pronunciano come in italiano


Per ora ho mantenuto le promesse. Dopo aver letto poche righe, sapete leggere le vocali, tante parole e mezza coniugazione del verbo andare.


Feliĉan Novjaron!

mercoledì 22 dicembre 2021

Avrò una brugmansia?

 ...e se sarò fortunata, forse anche due! 

Mi sembra di non aver riferito che, circa a metà settembre, avevo estorto alla signora Carla, che voi non conoscete perché non l'ho mai nominata, una talea di brugmansia. 

Gliela chiedevo da circa 30 anni.

Mi diede questo tronchetto, e lo misi in un bicchiere d'acqua. 

Rimase sul davanzale esterno del bagno fino ai primi freddi. Poi portai il bicchiere in casa, sulla cappelliera dell'ingresso, ci aggiunsi due talee di patate dolci, e me ne dimenticai.

Qualche giorno fa, alzando lo sguardo per recuperare la sciarpa dalla cappelliera, un'immagine raccapricciante partì dalla retina per colpire direttamente il mio pollice verde, e pure l'alluce, perché vacillai.


Le foglie della batata erano cadute, e quelle della brugmansia erano completamente traforate. 😱

Piene di bruchi verdi!  Presi le piantine con tutto il bicchiere, così tra lo shock e il fatto che il bicchiere è bianco, non trasparente, al momento non misi a fuoco la bella corona di radici tutto attorno alla base del ramo. 


La parte che era immersa in acqua presentava dei punti di muffa, ma le radici erano belle ed abbondanti! 🥰

Guardando con attenzione notai una microscopica fogliolina a circa 5 cm dal fondo. Allora tagliai la parte, la interrai in un vaso, pulii bene la muffa dall'apice della talea, e la misi in un bicchiere nuovo e trasparente, da sola.


La parte con radici si sta comportando benissimo! il microscopico grumo verde si sta trasformando in un ciuffetto di delicate foglioline. Si notano le cicatrici lasciate dai puntini di muffa.



La parte alta della talea (perché la foto si è capovolta?) Mostra le piccole foglioline nuove all'apice, è la parte più scura è quella che era immersa nell'acqua e che portava i segni di muffa. Ora si trova in un bicchiere trasparente tutto suo, con solo un centimetro di acqua.




Je ĉirkaŭ 30 jaroj mi petis tranĉaĵon de Brugmansja al
Sinjorino Carla.
Finfine ŝi donis al mi ĉi tiun "ŝtipeton", kaj mi metis ĝin en glason da akvo.

Ĝi restis sur la ekstera fenestrobreto de la banĉambro ĝis malvarmo. Poste mi alportis la glason en la domon, aldonante du batattranĉaĵojn. Kaj mi forgesis pri ili.

Antaŭ kelkaj tagoj, suprenrigardante por preni la koltukon el la ĉapelujo (Mi ne ofte surhavas koltukon), terura bildo pafitis el la retino por trafi rekte mian verdan dikfingron, same kiel mian dikan piedfingron.

La folioj de la batato estis tute defalintaj, kaj tiuj de la brugmansio estis tute trapikitaj. 😱

Ili estos plenaj de verdaj raŭpoj! Mi prenis la plantidojn kun la tuta glaso, do inter la ŝoko kaj la fakto, ke la vitro estas blanka, ne travidebla, nuntempe mi ne koncentriĝis pri la bela krono de radikoj ĉirkaŭ la bazo de la branĉo.

La parto, kiu estis en la akvo, havis kelkajn ŝimajn makulojn, sed la radikoj estis belaj kaj abundaj!

Atente rigardante, mi rimarkis mikroskopan foliojn je la radikoj. Do mi tranĉis la parton, enterigis ĝin en vazon, bonpurigis la ŝimon de la alia tranĉaĵo, kaj metis ĝin en novan kaj travideblan glason, per si mem. 

La radikita parto nun fartas bonege! la mikroskopa verda bulo iĝas amaso da delikataj folioj. Vi povas vidi la cikatrojn lasitajn de la makuloj de ŝimo.

La supra parto de la tranĉaĵo montras la malgrandajn novajn foliojn ĉe la apekso, kaj la plej malhela parto estas tiu, kiu estis en la akvo kaj kiu portis la signojn de ŝimo. 
Ĝis baldaŭ

domenica 19 dicembre 2021

Amici

Oggi ho avuto una giornata fortunata. 




Dovevo portare mia mamma per la vaccinazione, ma l'auto non si è avviata. Mia mamma non sale su un taxi manco morta e non sarei riuscita a portarla con i mezzi pubblici. Tra l'altro anche io non sto bene.

Il mio ex vicino l'ha accompagnata.

Il vicino attuale mi ha cambiato la batteria. 

(3 mesi e mezzo, è durata)

Poi sono riuscita ad annullare per una manciata di secondi una spesa già pagata, che avevo ordinato per evitare di stare all'interno del negozio. 

Unica cosa in cui non sono riuscita è stato di fare un tampone, nemmeno fai da te. Tutti esauriti. Domani riprovo.

Niente, dovevo solo condividere la fortuna di avere ricevuto due aiuti così importanti, visto che di solito mi lamento di non poter mai contare su nessuno.


sabato 18 dicembre 2021

Come faccio i biscotti...

...di Natale.

A grande richiesta (di Pier).

Ho cucinato i biscotti di Natale con farina, mandorle tritate, datteri, scorza d'arancia candita (fatta da me), zucchero di canna integrale, bicarbonato di sodio, cannella, noce moscata, chiodi di garofano, poco cacao amaro e succo d'arancia.

Bisogna mescolare tutti gli ingredienti secchi tritati finemente, e aggiungere il succo d'arancia solo a una piccola parte, stendere su una placca questa parte e metterla subito in forno, quindi aggiungere il succo a un'altra parte di impasto. 

Se mescolato tutto assieme, il ​​bicarbonato reagisce subito con l'acidità dell'arancia e in cottura ormai avrà perso il suo potere lievitante.

Per stendere la pasta è meglio aiutarsi con due fogli di carta da forno, perché tende ad appiccicarsi al mattarello.

Se stesi molto sottili diventano come cialde croccanti, se stesi spessi restano più morbidi. Tagliati rotondi non vengono buoni...🤯

Per uso personale vanno benissimo anche così, se devono essere regalati e buona cosa intingerli nel cioccolato fondente fuso.


Non peso gli ingredienti 


Mi kuiris kristnaskajn kuketojn kun faruno, muelitaj migdaloj, daktiloj, kanditaj oranĝaj ŝeloj, bruna sukero, bakada sodo, cinamo, muskato, kaloro (?), kakao kaj oranĝa suko. Vi devas miksi ĉiujn sekajn ingrediencojn, kaj aldoni la oranĝan sukon nur al malgranda parto, disvastigi kaj meti ĝin en la fornon, tiam aldoni la sukon al alia parto, alie la bakado sodo reagas tuj kaj ne efektivigas sian "fermentadon".

Mi ne pesas la ingrediencojn.

Vi povas manĝi ilin tiel, sed se vi volas doni ilin, estas pli bone trempi ilin en malhela ĉokolado.

mercoledì 15 dicembre 2021

I biscotti di Natale

Ho fatto l'esperimento, e per farlo ho acceso il forno (🤣).




Siccome non peso niente e li faccio solo una volta l'anno, ho dovuto rinfrescarmi la memoria qualche giorno prima di Natale. Sono venuti proprio bruttarelli, e le spezie sono troppo scarse, però sono friabili e buoni. Teniamo conto che i veri biscotti di Natale, come anche i mostaccioli, che sono abbastanza simili, vanno poi immersi completamente nel cioccolato fuso, così le eventuali imperfezioni si dovrebbero minimizzare. 


domenica 12 dicembre 2021

"Vino" di ibiscus

Non ricordo se ho già descritto l'avvio di questo esperimento. 

Tempo fa misi a fermentare questo intruglio, copiando il procedimento necessario per ottenere lo spumante di fiori di Sambuco, sostituendo i fiori di Sambuco con fiori di hibiscus.

Bene. Ho trovato la bottiglia esplosa 💥😳. La bottiglia è di plastica, e il tappo a vite è saltato via.

Il risultato non è male, ma non è frizzante. Probabilmente è rimasto aperto qualche giorno prima che io me ne accorgessi. Il profumo è buono e il sapore anche. 


Il colore è un po' troppo annacquato, ci vorrebbe più Ibiscus, e manca di limpidezza. Magari diventerà più trasparente lasciandolo riposare qualche giorno. Considerando che si tratta del primo esperimento, penso che sia possibile ripeterlo. 


Ŝaŭmvino el Ibisko. Malmulto restis de ĝi ĉar la botelo eksplodis dum fermentado. Ĝi ne plu brilas (?), mi pensas, ĉar la ŝraŭbĉapo elŝprucis kaj la botelo restis malfermita. Evidente ĝi odoras de hibisko, ne de vinberoj sed la gusto ne estas malbona, mi faros pli.


sabato 11 dicembre 2021

Tagete e Timo

Sono fioriti!





Sono appena tornata dall'orto, dove ho estirpato un po' di cicoria che cresceva all'esterno per trapiantarla in serra. Troppo tardi, temo. È tutta gelata.

Ho notato che, finalmente, e fiorito il tagete che avevo seminato in settembre, mentre ero in montagna. Le piantine si sono stranamente salvate. Là è pieno di limacce, quelle rosse, e probabilmente hanno dei gusti diversi rispetto a quelle piccole e nere che ci sono qui. Una volta portati a casa, ho tenuto sempre il vaso in alto.

Ora l'ho messo sul davanzale. All'interno c'è un termosifone, e all'esterno il portico che dà sulla strada. Chissà se potranno continuare a fiorire.

venerdì 10 dicembre 2021

Haworthia watermelon

Per la rubrica: Le piante che vorrei, ecco il mio ultimo desiderio. La pianta di cristallo, con le foglie trasparenti. Chissà se Babbo Natale me la regalerà.


Foto trovata in rete.




martedì 7 dicembre 2021

lunedì 6 dicembre 2021

Zucchine spinose???

Incredibile come possano nascondersi dei frutti così grandi. Non li avevo proprio visti!


Sotto qualche batata. 

sabato 4 dicembre 2021

Se non puoi cucinare i pizzoccheri

È sempre la solita storia: non posso mangiare cose integrali, con i semi, con i pezzettini...  però la pasta con le verdure si può fare. 
Anziché verdure generiche, ci metto patate e coste (ma preferisco le verze), al posto dei pizzoccheri... le trofie. Approfitto perché ho acquistato delle buonissime "patate di montagna". Di solito non vado matta per le patate.
Con l'aggiunta di una quantità normale di un qualsiasi formaggio (non uno sproposito di bitto, come usano ora sui pizzoccheri) la cena è pronta. 



venerdì 3 dicembre 2021

Torte veloci 2

Cuocendo in padella, occorre isolare e contenere il calore. In questo caso servono: una padella di ottima qualità, un fornello con fiamma o calore molto basso, una combinazione di coperchio, asciugamani ripiegato o equivalente, altro coperchio (o padellino capovolto). Quando la superficie è solida, si può girare la torta e completare la cottura.


L'impasto con banana

La torta di mele è quasi cotta 

Il mio sistema di isolamento del calore




La torta di mela

La torta alla banana a metà cottura

Ho fatto un po' di confusione nel girare la torta alla banana. Ma che profumo!


Profumo: 10, ma gusto 2. Vince la versione alla mela.

giovedì 2 dicembre 2021

Torte veloci

Circa un mese fa acquistai 1 kg. di farina di mais fioretto. Da allora faccio delle piccole torte veloci in padella, e continuerò più o meno così fino all'esaurimento della farina.

Oggi, approfittando di non avere attorno nessun rompiscatole, ne ho fatta una con mela annurca e una con banana. 

Avviso: di seguito tante noiose spiegazioni, quindi si può terminare qui la lettura. 👋

La base delle torte consiste in un misto tra farina fioretto, (circa tre cucchiaiate), farina di frumento, (circa una e mezza), sale, zucchero (circa una cucchiaiata) olio, albume e bicarbonato. Questi ultimi, come e più di tutto il resto, possono essere sostituiti. Nello specifico, con uova intere e lievito per dolci.









Questa volta ho messo dello jogurt alla vaniglia, poi ho diviso l'impasto a metà. A una metà ho aggiunto la profumata melina annurca grattugiata, nell'altra una banana schiacciata. Primo esperimento con la banana.

Si può aggiungere davvero tutto quello che si preferisce.

Chi usa il bicarbonato, appena prima di cuocere la torta, deve aggiungere un acidificante. Io ho usato l'aceto di mele. Mescolare velocemente e... impadellare. (Se si decide di cuocere in padella).


Il seguito alla prossima puntata.

domenica 28 novembre 2021

Mirto

Ho raccolto il mirto. Quest'anno erano 250 gr. 



Tutti mi avevano consigliato di usarlo per fare l'omonimo liquore, ma alla fine ho deciso diversamente. Ho preparato una salsa/confettura di mirto e mele, mentre i semi e le bucce li ho messi in infusione in pochissimo gin, che era l'unico liquore che avessi in casa.

Non è bello, chiedere consigli poi non seguirli, ma non beviamo alcolici, mi sembrava davvero uno spreco acquistare l'alcool e fare il mirto. Non saprei nemmeno a chi regalarlo, non conosco persone amanti dei liquori.

Ultimamente mi è capitato di sapere che quasi tutte le persone che ricevono in regalo prodotti fatti in casa, ringraziano, dicono che erano ottimi, ma non li assaggiano nemmeno. Li buttano, perché non si fidano. Non dico che anche i miei amici facciano così, però preferisco evitare di mettere in imbarazzo le persone.


Ĉu-jare mi kolektis 250 gramojn da mirtoberoj! Mi havas nur uno planton, Do ili estas multaj. Mi preparis Mirtan saŭcon kun pomoj, por esti ĝuita kun boligitaj viandoj aŭ fromaĝoj.

Stradina