sabato 31 marzo 2018

Porta braccio

Forse sono giunta all'ultima puntata di questa serie della rubrica La posta del cuore.. di BUE, quella dedicata alla mia amica, quella che non usa il computer.
Anche questa volta la domanda non è difficile è: si può fare un porta braccio su misura? Si può.
Come già anticipato la mamma di questa mia amica ha dei seri problemi al braccio, così le ho prestato un tutore che avevo acquistato dall'ortopedico a suo tempo. E' regolabile, ma non è abbastanza confortevole, per lei che è molto minuta, così gliene sto preparando uno su misura. 
Io l'ho usato per parecchi anni, così so quanto la giusta misura possa aiutare ad alleviare il dolore.
Spero che si trovi bene.

mercoledì 28 marzo 2018

Le mele sono buone assai

Ogni volta che in qualche modo ho a che fare con le mele, ricordo una canzoncina della mia infanzia, che faceva parte della colonna sonora di una fiaba: Le mele sono buone assai.
Lo scorso inverno ho seminato alcuni semi di mela, presi da un frutto tipo renetta, dalle mele misteriose http://fioridiiaia.blogspot.it/2018/02/che-mele-sono.html e da una melina "campagnola".
Gli unici non nati, per ora, sono quelli misteriosi.

Ecco come si presentano le simil-renetta



e le campagnole

domenica 25 marzo 2018

Fiori di oggi

Mentre la primavera prosegue il suo lavoro io mi dedico ai trapianti.
Non posso lamentarmi dei miei semenzali in generale. Ho però avuto grande sfortuna con i semi che ho in qualche modo coltivato per conto di un paio di amici. 
Io dedico molta attenzione a tutte le semine, per esempio illuminandole con la lampada per la crescita quando non c'è sole, o spostandole se la temperatura scende troppo. Ancora di più ne dedico ai semi ricevuti da altri. Per questo motivo sono dispiaciuta e in collera con me stessa. Ho tradito la fiducia di queste persone. 
Per un paio di varietà penso che non ci sia più nulla da fare. I pomodori non sono spuntati, ma ho già visto dei pomodori spuntare dopo oltre un mese dalla semina, così continuo ad annaffiare.

Oggi un altro raggio di sole, altri fiori sbocciati.
I primi Muscari

Spuntano le peonie erbacee, a fiore bianco e rosso. Di solito le rosse sono più tardive


I piccoli Ranunculus ficaria




















Gli altri proseguono la fioritura
Pare che non avrò mai un bel cespuglione di Forsithya

I giacinti


Sono preoccupata perché non ci sono insetti sul Mirabolano.
Gli anni precedenti era tutto un ronzare di vari insetti pronubi.




mercoledì 21 marzo 2018

Cardo mariano

Non mi pare di averlo mai avuto prima, ma la mia memoria è scarsissima.
I fidi identificatori di Acta Plantarum vengono sempre in mio soccorso.









Sono felicissima di avere un cardo mariano!


Queste foto sono ormai datate, ho raccolto e gustato il cardo. E' molto spinoso. Ho sempre raccolto i cardi a mani nude e senza problemi, con questo qualche problema c'è stato.

lunedì 19 marzo 2018

Il Santuario

Questo è veramente un fuori tema, ma siccome non vado mai da nessuna parte ho pensato di segnalarlo.
Qualche giorno fa stavo tornando a casa quando ho visto un cartello stradale: Santuario 4 km.
Ho pensato che non entravo da almeno una ventina di anni, nel Santuario della Madonna di Caravaggio, così mi sono fermata per una brevissima visita.

Questo è un luogo di culto famosissimo in zona, una realtà che giunge fino a noi dal lontano 1432, data dell'apparizione.
Ci sono persone residenti in zona che vi si recano addirittura ogni fine settimana e spesso anche nei giorni feriali. Io sono entrata proprio durante la celebrazione della Messa, (ed ero troppo stanca per attendere la fine) quindi non ho potuto soffermarmi ad osservare i particolari.
Altro appuntamento a cui molti non rinunciano è il curioso rito della benedizione delle auto.

Il parco è grande e tranquillo, l'esterno del santuario è sobrio e imponente, ai lati ci sono due lunghissimi portici, se ne intravede uno nella foto qui sotto, dietro agli alberi.



Dal viale di ingresso si vede il lato sinistro dal Santuario, con la porta da dove escono i visitatori del fonte, e l'interno è meraviglioso.

Non ho scattato foto, ovviamente, e quelle trovate in rete non rendono minimamente la bellezza che si può ammirare entrando di persona. Mi sembrano addirittura foto di un'altra chiesa.


http://www.video.mediaset.it/video/i_viaggi_del_cuore/clip/il-santuario-di-caravaggio_775450.html

sabato 17 marzo 2018

Fiori, fiori!




Ieri (ormai è passata la mezzanotte) c'era un sole gradevolissimo, così molti fiori sono sbocciati e si sono svegliati i gechi. Ho visto anche la prima coccinella e la prima farfalla cavolaia.

Il primo narciso, e il primo giacinto. I bulbi sono interrati da anni, il fiore non è "dopato" come quelli appena acquistati.


Qualche viola odorata. Sono sparse, così per ora non fanno bei ciuffi pieni

















Si incominicia a vedere il colore dei fiori di Forsythia. Già è una varietà a fiore piccolo, poi è sempre piuttosto sofferente.





Sta per fiorire anche questa brassicacea misteriosa. Avevo acquistato dei semi di asparagi, ma sono nate queste brassicacee, per altro buonissime: foglie tenere e saporite.
Terrò la semenza, anche se non conosco la varietà.
Domanda difficile: che brassicacea è?




Fiori "vecchi"

I Galanthus nivalis, piccoli ma graziosi



Questo è il primo fiore dell'elleboro da seme. Ora i fiori sono 8. Spero che matureranno i semi! i miei E. niger in 50 anni non hanno mai prodotto un seme.
Ho raccolto la cicoria, ho seminato e trapiantato




la cicoria che ho raccolto era qui... io fotografo sempre dopo.












la lattuga e cavolo acefalo, questi li ho raccolti ieri









 



la bieta barese vernina























Altra cicoria, anche questa sarebbe da raccogliere, Forse domani.














Cavoli coreani, quelli che sono all'aperto da una quindicina di giorni. Ovviamente non crescono, ma stanno resistendo.
















Cavolini di Bruxelles rossi, trapiantati stamattina
















Le melanzane













Semenzali di senape orientale e water convolvulus















Non mancano lombrichi belli cicciotti















E' anche rispuntato il rabarbaro. Così se non si salveranno le piantine nuove ne avrò almeno una vecchia.

venerdì 16 marzo 2018

La mia nuova "cartucciera"

Piove, piove!
A parte raccogliere verdura (tanta!) e badare ai semenzali, che intristiscono e filano, nell'orto c'è poco da fare, così cucio.

Da anni confeziono o compero organizzatori da borsetta. Mi trovo bene, perché non usandoli sarebbe ancora peggio, ma finora non ero mai riuscita ad avere un organizzatore che potesse tenere veramente in ordine le mie cose.
Così qualche giorno fa ne ho cucito uno su misura, che metterò dentro a un organizzatore acquistato



Ne farò un altro, con una parte destinata ad oggetti più lunghi, tipo le penne, e l'altra destinata ad oggetti corti ma più larghi.
Non mi sono spiegata. Qualcosa di simile a questo:

Chissà se così riuscirò a trovare queste ed altre piccole cose, che solitamente si insinuano sul fondo delle tasche, sempre troppo ampie e profonde, dei comuni organizzatori.

mercoledì 14 marzo 2018

Fiori!



Ieri sono fioriti alcuni fiori primaverili. Finalmente posso pubblicare anche io qualche foto di fiori. Da almeno un mese vedo foto su internet. Sono tornata piuttosto tardi, quindi le foto sono un po' scure.






I primi sparuti fiori di mirabolano. Chissà se riuscirà a fruttificare, quest'anno.























La prima violetta
Iris creticus var. unguicularis


Dimenticavo! Aumenta la fioritura dell'elleboro da seme.



Non riesco ad allineare, pazienza.

lunedì 12 marzo 2018

Era un tappetino

Argomento non molto poetico. Una delle mie amiche, quella che non usa internet né il computer, aveva due tappetini da bagno, già mediamente usati. Mi ha chiesto di trasformarne uno in copriwater, per ottenere un set coordinato. Questa, più che "posta del cuore... di bue!" Sta diventando "Sos sarta missione disperata".
Io non comprendo questa sua esigenza, non ho il tempo per addobbare il mio WC con un copriwater, ma contenta lei! 
Mi ha aiutato a riappacificarmi con un'amica, quindi sono lieta di ricambiare provvedendo a fornirle un copri Wc, ad eliminare i peletti dalle sue rose finte e a cucire un porta braccio su misura per sua mamma, che ha avuto un incidente.
Lo voleva ben teso! Il copri wc, non il reggi braccio. Sul mio coperchio è tesissimo, spero che il suo non abbia una forma molto diversa.


Il tappetino era un po' rigido, per rendere meno difficoltosa l'arricciatura ho provveduto ad arricciarlo parzialmente prima di applicare il bordo, dove poi ho inserito ben 3 sistemi di fissaggio. Lei sceglierà quello che le piace di più ed eliminerà gli altri (anche se, conoscendola, penso che li terrà tutti, "per scorta")
In basso ci sono diversi occhielli dove far passare i cordini di fissaggio. Non sapendo dove ha i ganci ho preferito abbondare.
La soluzione migliore sarebbe stata quella di fare una copertura integrale sopra e sotto, in modo da non dovere arricciare quasi nulla, e fissare solamente la base, ma non avevo tessuto a sufficienza.

Anche lei ama recuperare i materiali, così non mi sono fatta problemi. La chiusura viola è fatta con filo da uncinetto arrotolato e doppiato (chissà se questo sistema ha un nome), quella bianca ha la parte interna in elastico, mentre i cordini da annodare sono una catenella a due mani, (chissà se questa tecnica ha un nome) ricavata dal filo che costituiva un vecchissimo e ormai rovinato sottobicchiere. Da bambina ne facevo a tonnellate, e li usavamo a ogni pasto.

Comunque, ecco cosa sono riuscita a fare. La fettuccia dove passano i cordincini per arricciare è un po' ingiallita, ma lavandola diventerà bianca, l'ho già fatto, lo so. Non l'ho lavata prima perché così si restringerà un po', aumentando la tensione dell'arricciatura.
In caso si restringesse troppo... ne ho lasciato un pezzetto in più, girato in sotto.
(non ha voluto che applicassi direttamente l'elastico, per poterlo cambiare nel caso perdesse elasticità.)

Alcune persone sanno fare cose perfette, ma chi non ne è in grado può provare, e fare qualcosa di soltanto accettabile, piuttosto che rinunciare. Io penso che la mia amica sarà contenta anche se non è perfetto. 
(Sto eseguendo altre missioni, per lei, ma sono talmente disperate che non si possono pubblicare... )


Non è stato facile cucire la fettuccia sul tessuto rigido e arricciato.
La macchina per cucire non ne voleva sapere! Si impuntava e gemeva. E' stata l'occasione giusta per fare un po' di manutenzione. Dopo un attento spolvero, e generose dosi di olio e grasso ove necessario, la mia vecchia macchina anche se non ha smesso di gemere ha acconsentito a cucire. 
Le cuciture sono fatte in qualche modo, un po' a zonzo, ma più di così non posso pretendere dalla povera vecchietta.
Bisogna sempre eseguire la manutenzione necessaria! Consiglio a chi possiede una macchina per cucire di consultare il libretto di istruzioni e provvedere. 


venerdì 9 marzo 2018

Fuoco alle tende!

Continua la rubrica "Posta del Cuore di bue".
Grazie per la fiducia. Per favore non chiedetemi come coltivare piante da radice, che a me non vengono, o come andare d'accordo con gli altri, che io litigo con tutti, e nemmeno cosa dovete mangiare a mezzogiorno! Perché io cosa ne so? Ognuno ha i propri gusti.
Ma a volte la domanda è facile, così so la risposta! Come eliminare i peletti dai tessuti sintetici? (senza tagliare il tessuto e cercando di limitarne la riformazione).
Se per "Peletti" si intendono quelli che spuntano dai bordi il sistema migliore è il fuoco.
La mia amica voleva togliere i peletti dai bordi delle rose "di seta", quelle che si mettono al cimitero. Io non ne avevo sotto mano e li ho tolti dalle tendine, tanto il sistema è uguale.
https://vimeo.com/256950769

2018 02 22 tendine from Iaia on Vimeo.

Forse c'è qualcosa di sbagliano nel modo in cui ho inserito il video, perché io non lo vedo, nel caso metto almeno una foto.

Non posso mandare il video alla mia amica perché non mi legge, anzi! non usa nemmeno il computer, né il cellulare, così lei non si fida ad incendiare le rose! mi ha chiesto di farglielo io... che pazienza, con certe amiche! Prima o poi andrò. Me l'ha chiesto a metà febbraio, (infatti il video l'ho fatto subito!) ma insomma... se ha fretta o se lo fa da sola o mi porta qui i fiori. Per il servizio a domicilio ci si mette in coda.

Per coloro che usano il pc ecco la prova. Non si incendia nulla, e i peletti spariscono.

Una cosa è certa: Non si incendia se si fa attenzione. Se si mette tutto il tessuto sul fuoco e magari lo si lascia anche lì fermo, il tessuto sintetico si incendia o come minimo si scioglie!
Le cose bisogna farle collegando prima il cervello. Avvicinare un pelo alla volta e ritirare subito il tessuto è l'unico sistema ammissibile.
Io non ho mai incendiato nulla, le prove sono nel video, dove dovevo contemporaneamente gestire il cellulare per registrare: chi ci vorrà provare faccia attenzione e nessuno incendierà nulla.
Se pensate ad altro mentre avvicinate una fiamma a un tessuto sintetico non venite poi a lamentarvi con me.

giovedì 8 marzo 2018

8 marzo

Finalmente una giornata di primavera, calda e luminosa, ha fatto fiorire i Galanthus.
Dedicati a tutte le donne.



martedì 6 marzo 2018

geco e semenzali

Le mie piantine per ora se la cavano. Le lampadine le stanno aiutando in queste giornate buie.

Anche le plantuline di cavolo all'aperto non se la passano male. Non so come stia il rabarbaro, non mi sono ricordata di controllarlo. La neve è quasi completamente sciolta, ne rimane solo un angolino in ombra, ma in giro non se ne vede più. Così ho ricominciato a raccogliere qualche verdura. Mentre scrivo è quasi mezzanotte, per cui posso dire che "ieri" ho raccolto borragine, crespino, lapsana e una brassicacea molto buona di cui non ricordo il nome.
Devo cercare di ottenere la semenza.

Cercando di rammentare senza successo il nome di quel cavolo ho guardato le foto dell'anno scorso. Ho scoperto che il 5 marzo c'erano violette e Galanthus fioriti. Quest'anno è tutto indietro. Meglio, altrimenti il freddo improvviso avrebbe fatto danni.
Temo per la fioritura del Mirabolano, ma ci sono ancora speranze.

C'è stata una vittima tra i gechi. Ero contenta che fossero diventati saggi. Per la prima volta andati veramente in letargo, spariti già da più di due mesi, credo. Ieri ho trovato un piccolissimo geco morto, in un posto insolito, per loro.

Tricyrtis 'normale'!

Sembrava che quest'anno fiorisse solo la Tricyrtys Raspberry mousse.  Invece è semplicemente Fiorita prima.ora è il turno di quella norm...