lunedì 24 novembre 2014

Temperature primaverili e progetti sovversivi

Ho serie preoccupazioni per la salute delle piante per l'anno prossimo. Penso che ci sarà una strage.
Questo clima così mite le sta fuorviando. Stanno fiorendo e germogliando, ora arriverà il freddo e le stroncherà.
Capitò un paio di anni fa, quando tutto iniziò a germogliare in gennaio, poi in febbraio arrivò il freddo.
Non mi preoccupano più di tanto le mini rose, perché alcune rose a cespuglio fioriscono durante tutto l'inverno, nè il tarassaco o le margheritine o la bergenia.

giovedì 20 novembre 2014

Piantina sconosciuta e raponzolo

In questi giorni ho raccolto:
lattughina, borragine (ci ho fatto i passatelli verdi) e cardo scozzese (condimento per la pasta).
Dovrei scavare anche qualche topinambur, già che non sta piovendo, ma sono pigra al riguardo.

Ho tagliato gli asparagi, in ritardo. Sto lì a controllare le indicazioni di Barabanera poi mi dimentico di eseguire... e la luna passa.

Oggi è giornata di domande difficili:
Qualcuno conosce il nome di questo arbusto?

mercoledì 19 novembre 2014

Ho visto i sorci...

Per fortuna non erano verdi e (soprattutto) per fortuna non li ho visti a casa mia.
Passando in una zona industriale ho notato una tribù di graziosi nonché enormi animali (sì, in effetti non erano brutti). Zampettavano tranquilli sul ciglio della strada, incuranti dell'intenso traffico di auto e camion. Ci sono dovuta passare diverse volte, così al mio settimo passaggio, approfittando che c'era meno traffico e mi ero organizzata con il cellulare sul sedile, già predisposto sulla fotocamera, mi sono fermata un attimo per una foto.

Belli vero? Sì, sono belli anche i ragni e i serpenti, basta che NON stiano vicino a me.
Già troppo strano che io sia riuscita a toccare il baby gechino.
Poverino... si era avvoltolato in una brutta e vecchia ragnatela e man mano altra sporcizia si appiccicava alla ragnatela.  Il piccolino faticava a muoversi. Con un bastoncino l'ho ripulito. Era così contento che è venuto a "ringraziarmi," così gli ho fatto una carezzina.
Ho fatto delle ricerche e pare che molte persone adottino i ratti come animali da compagnia.
Io se conoscessi una persona che tiene dei ratti in casa eviterei di avvicinarla. Capisco che se tenuti in casa saranno assolutamente sani, ma solo il pensiero mi disgusta.

domenica 16 novembre 2014

Fine della distribuzione semi!

Per me la raccolta, l'essiccazione, la pulizia, lo smistamento dei semi, la preparazione delle bustine, lo scrivere il nome su tutte... per certe varietà si tratta di scrivere 30 volte lo stesso nome... la distribuzione dei semi e la gestione dell'inventario degli stessi è un'operazione assai stressante.
Non riesco ad organizzarmi, mi dà ansia, non ci sono proprio portata!
Così sono sollevata dal fatto di aver chiuso le distribuzioni private e di poter mandare tutto il rimanente alla "banca dei semi".
Ammiro ed invidio il precisissimo gestore della meritoria istituzione della Bds che riesce a gestire la gran mole di bustine che riceve da tutta Italia e anche dall'estero!
Chi ha contrattato  con me ma non ha ancora ricevuto niente, non si preoccupi: Ho alcuni sacchettini di stoffa appesi alla mia bacheca. Ogni sacchettino è fissato con una puntina, e corrisponde a una persona.
Lì infilavo i semi man mano che veniva conclusa la contrattazione relativa a quel particolare tipo.
Così questi semi non mi danno particolare preoccupazione: basta infilarli in una busta, metterci l'indirizzo e spedire.
Il grosso è fatto!
Domanda difficile: perché continuo a raccogliere e distribuire semi, se mi provoca così tanta ansia? Non lo so nemmeno io. Il pensiero di scambiare i semi, di quelle persone lontane che magari non vedrò mai che come me aprono la busta come se fossero tornati bambini la mattina di Natale... non so. Per ora resta una cosa che quasi non sopporto ma di cui non potrei fare a meno.

In questi giorni ho raccolto di nuovo la tetragonia nata spontanea in serra. Davvero una gran cosa, la tetragonia.
Ci ho fatto una frittata.
Oggi ho raccolto dei ricacci di verza. C'è da spendere una parola su questa umile verdura. Che io sappia, nessuno tiene le piante di verza dopo aver raccolto le "teste".
Le teneva Paolo, per chi l'ha conosciuto, che come me trovava ottimi i ricacci.
Oggi li ho bolliti un po' in acqua, triturati, poi li ho passati in padella con una pseudo besciamella, (io che devo fare attenzione al lattosio la faccio con farina di riso glutinoso e acqua, ma va benissimo anche una besciamella vera, anzi!) Poi ci ho sciolto del grana a pezzetti. Una cosa tipo "4 salti in padella,"  Almeno credo, io gli "originali" non li ho mai assaggiati.
Buonissimi! Mangiati con polenta,
In questi giorni ho raccolto anche le prime bietole rosse, nate dai semi autoprodotti, e le foglie di ravanello.
Ho aperto la zucca tipo beretta (le mie zucche sono tutte ibridate, per quello dico "tipo"). Era 4 kg.
La proverò stasera, non ho ancora deciso come.
Ora vado a interrare l'aglio.
Secondo Barbanera la prima giornata utile sarebbe domani, ma i nostri meteorologi dicono che domani pioverà! meglio farlo subito, che siamo già in enorme ritardo!
Poi andrò a raccogliere alcune piantine da spedire a un "amico dell'orto", infine penserò a cosa fare della zucca.


giovedì 13 novembre 2014

Tanta pioggia? Tanti ombrelli rotti.

Continua a piovere. Qui non ci sono fiumi, non corriamo pericolo di vita come accade in tante zone, ma i nostri allagamenti li abbiamo avuti.
In passato era comune l'esondazione delle fognature, progettate o costruite con scarsa attenzione.
All'epoca alcune persone che abitavano in una zona leggermente più bassa rispetto a me si dovettero arrendere nella guerra contro queste esondazioni e cambiarono casa.
Allora proprio una guerra, e come dice il proverbio "il guerra e in amore tutto è permesso" e ben venne un rimedio poco ortodosso che pareva aver risolto il problema.
Dopo anni di tregua stanotte la pioggia è riuscita di nuovo a causare qualche piccolo danno.
Le strade sono pulite, ma sono saltati i tombini del cortile.

martedì 11 novembre 2014

11 novembre

Non c'è una pioggia preoccupante come in altre zone in questo periodo, ma rende impossibile vangare, e difficile eseguire altri lavori in giardino.
Il mio impegno è di togliere il muschio viscido dai vialetti, che sono scivolosissimi, almeno in quelli che è obbligatorio percorrere per uscire da casa. La candeggina può fare molto contro la formazione di questa pericolosa patina verdastra, ma il timore di inquinare mi frena. Inoltre piove in continuazione... che effetto può avere la candeggina, se viene immediatamente dilavata?
Così strofino con uno spazzolone rigido e butto secchi di acqua piovana per lavare via il verde.

La serra consente la protezione necessaria per riuscire a fare qualche cosa.
Stare in serra mentre fuori piove è strano, sembra di essere fuori dal mondo, in un sorta di universo sospeso, con il rumore della pioggia che batte ipnotica sul telo della copertura.
Ho trapiantato in serra un po' di cicoria e ho raccolto cicoria, basella e tetragonia. In particolare la tetragonia crede di essere in primavera, è rigogliosissima. Non altrettanto le cime di rapa, nè le tre carotine striminzite spuntate finora.

La mia coltivazione sperimentale di mais da foglia inizia a dare segni di vita. Molto più lenta di quella del mio amico che aveva lanciato l'idea.
Ne ho assaggiato ieri una fogliolina e il gusto è molto intenso, allo stesso tempo dolce e amarognolo
Nonostante fosse ancora piccolissima tendeva già ad essere un pochino fibrosa. Ho usato i semi di mais corvino, le piante sono più piccole di quelle di mais comune, probabilmente diventano fibrose quando sono ancora molto piccole e vanno raccolte da piccolissime.
Con la mia micro piantagione dalla crescita lentissima non farò certo indigestione!

Se a qualcuno interessasse il mio resoconto completo della coltivazione della zucca della Styria lo può trovare sugli amici dell'orto due.
http://amicidellortodue.blogspot.it/2014/11/la-zucca-della-styria.html

sabato 8 novembre 2014

La zucca della Styria

In questi giorni di pioggia tutti i lavori sono sospesi. Da ieri non piove ma il terreno è ancora fangoso.
Vorrei riuscire almeno ad estrarre dei bulbi di Mombretia che dovrei spedire per uno scambio.

Ho raccolto: cicoria, bietole, tetragonia e borragine.
Ho aperto la zucca della Styria. La meno matura, perché sembrava che si stesse rovinando. I semi sono maturi.
La buccia è sottilissima.
I semi sono comodi da mangiare, non avendo il guscio, ma ce ne sono si più buoni.
La polpa... a me piacciono poco le zucche farinose, perché "ingozzano" ma questa esagera al contrario.
Il sapore è pari a zero. A questo ho rimediato cucinandola con abbondante scalogno e formaggio pecorino.
La consistenza lascia a desiderare. Sembra di mangiare un cetriolo cotto in padella. Non è un'idea: ho mangiato i cetrioli cotti in padella, quindi so come sono.
Riseminarla? Non so se ne vale la pena.

martedì 4 novembre 2014

sabato 1 novembre 2014

1° novembre

Ho aperto un'altra zucca "tipo Hokkaido," quella verde chiaro, e questa è buona! Non asciuttissima,  (con tutta la pioggia che si è presa questa estate non lo potevo pretendere) ma dolce e farinosa al punto giusto, cioè non tanto da ingozzare. L'ho usata per gli gnocchi e cotta a cubetti in padella come contorno.
Ho raccolto cicoria, cavolo nero, che ho fatto in minestra, una piccola verza, che ho cucinato in umido con erbe aromatiche, curcuma e un cucchiaino di farina di ceci per addensare il brodo. L'ho accompagnata con formaggio.
Poi ho raccolto di nuovo la lattughina novella e la tetragonia appena spuntata.

Ho iniziato a vangare l'aiuola n. 2.
E' spuntata la cima di rapa quarantina.
Solo pochi chicchi di quel mais che avevo messo a pre-germinare hanno emesso le radici, e li ho trasferiti nella vaschetta.
Sono terribilmente in ritardo. L'amico che ha fatto con me l'esperimento della semina del mais da foglia ha già raccolto e mangiato le foglie.

Il piccolo geco continua a farsi vedere in queste sere così fredde, e a volte compare anche il pomeriggio. Gli adulti non si vedono quasi mai.

Tricyrtis 'normale'!

Sembrava che quest'anno fiorisse solo la Tricyrtys Raspberry mousse.  Invece è semplicemente Fiorita prima.ora è il turno di quella norm...