lunedì 29 ottobre 2018

Cucire quando la vista è scarsa

Non ho una vista d'aquila. Per cucire, a mano o a macchina, occorre infilare gli aghi, e questo a volte capita spesso. A macchina quasi sempre è solo per cambiare il colore, a mano perché le gugliate non possono superare una certa lunghezza. Così già dall'infanzia avevo inventato un metodo per mitigare questa fatica. Sì, inventato. Allora non c'erano tutorial su internet, e nemmeno la possibilità economica di acquistare molte riviste.
Poi ho scoperto che ovviamente anche altri lo fanno, nessuna,novità, ma se qualcuno avesse i miei stessi problemi potrebbe trarre vantaggio da questo metodo.
Si inizia lasciando sempre gli aghi infilati. Il più piccolo pezzetto di filo, quando è infilato in una cruna è un nostro alleato.
Basta unire al filo corto un nuovo filo, di colore uguale o diverso secondo le esigenze.
Per farlo si può usare un nodo alla tessitora, che è molto piccolo ma resistente, i capi si possono tagliare via senza che questo si sciolga.
Ma... a mio avviso non è cosa facile. Io so fare nodi e intrecci di vari tipi ma non il nodo alla tessitora.
Di nuovo c'è una soluzione. Basta fare un cappio, passarci il secondo filo attraverso, tirare i due capi del cappio. Si sentirà un piccolo schiocco, è il nodo che "si gira".
Il nodo alla tessitora in versione semplice è fatto.
Ma... e qui entra in gioco la solita rubrica della "Posta del cuore... di bue!"
La mia amica, (quella non tecnologica, che non usa nemmeno il cellulare) non sapeva fare il cappio, e non riuscivo a spiegarglielo. Nonostante io abbia una lateralizzazione mista, quasi ambidestra, il cappio lo so fare solo con la sinistra. E lei solo a destra.
Ecco come sono riuscita a farglielo capire: con il cavo delle cuffie
Si fa un cappio con il filo n. 1 (è indifferente: nuovo o vecchio, purché sia abbastanza lungo)



Il cappio è fatto. Nell'anello si passa l'altro filo. Dove io ho messo il dito

Si stringe il cappio fino a fare "girare" il nodo. Io ovviamente non ho nessuna intenzione di 'far girare'  il mio dito...

Ecco il corrispondente con il filo


Dopo aver tirato i capi del cappio e girato il nodo, con cautela lo si fa passare attraverso la cruna dell'ago.


Fatto. Ora si può tagliare via il filo vecchio e usare il nuovo. Oppure...
Se la stoffa non è fine e delicata si può continuare a cucire, come ho fatto io in queste foto, dove stavo cucendo un orlo a punto mosca su un jeans elasticizzato.
L'unico accorgimento: per fare in modo che il nodo passi attraverso la trama senza causare danni si deve cucire puntando nel tessuto non la punta, ma la cruna. Con un po' di attenzione lo si può fare, e senza nemmeno bucarsi.




Essendo il tessuto molto grossolano i pochi cm. di cucitura con filo triplo non causano alcun problema.

Perché? Semplicemente per pigrizia.
Per non affrancare il filo vecchio e quello nuovo.
Cucendo gli orli a mano faccio comunque dei nodi ogni pochi punti, per evitare che, in caso di rottura del filo, si disfi tutto loro. Eppure affrancare il filo vecchio e poi quello nuovo mi sembra troppo faticoso. La pigrizia fa strani scherzi...

Dietro si nota la rifinitura a tagliacuci. Sempre in azzurro,  ma è una cucitura diversa. Io sono una pessima blogger. Non ho tempo di fare esempi apposta per la pubblicazione, scatto foto a quello che sto cucendo davvero. Questa è diventata la mia gonna preferita.


sabato 27 ottobre 2018

Commenti

Quando viene pubblicato un commento io non ricevo gli avvisi.
Ho chiesto già da tempo che venga inviata la comunicazione a ben 3 miei indirizzi di posta, ricevo gli avvisi per un paio di giorni e poi più nulla.

Oggi ho letto commenti per tutto il pomeriggio, per assicurarmi che non me ne siano sfuggiti e sono arrivata a poco più di 200. Neanche a farlo apposta, in tutto sono esattamente 1000 tondi tondi... non so quanto altro tempo ci vorrà per leggerli tutti.


Ora ho richiesto la moderazione dei commenti, sperando in questo modo di riuscire a intercettarli tutti.
Spero che funzioni e che non sia troppo noioso per chi vorrà commentare.


venerdì 26 ottobre 2018

Mirto, luna e BASTA. SEMI SPEDITI, LISTA ANNULLATA

Il colore della confettura di mirto.

La luna ieri sera


La lista semi.
Scambio con le regole degli amici dell'orto. Chiedo il rimborso spese solo alle persone con cui non sono in debito, ovviamente.
La precedenza va alle persone con cui sono in debito, gli altri in ordine di richiesta.
Mi scuso per aver dato solo pochi giorni per la scelta, perché poi invierò la rimanenza alla Banca dei semi della Compagnia del giardinaggio. Non sono abbastanza organizzata, non riesco a gestire scambi durante tutto l'anno.
Prenotazioni nei commenti, alla mia mail solita per chi ce l'ha, oppure a semi chiocciola spambog punto com


Busta mista
SUPERMIX (semi vari mescolati)
SETTEMBRINO BIANCO INGLESE
ROSA PALUSTRIS
ROSA COCKTAIL
CAMPANULA GARGANICA
CONSOLIDA AJACIS
BENINCASA HISPIDA
TETRAGONIA
PLATYCODON LILLA
CARDIOSPERMUM HALICACABUM
AQUILEGIA VIOLA
NIGELLA DAMASCENA
CAMEDRIO
CAVOLO ACEFALO DI HONG KONG
------------------
BARBA DI BECCO TRAGOPOGON PORRIFOLIUS
-------------------------------
BUSTA POMODORI

ZUCCHINE SENZA NOME
POMODORI DORO’S GOLDEN BEAUTY
POMODORI LANTERNINI
POMODORO NERO 2018
POMODORO BLACK RUSSIAN 2018
POMODORO TORPEDINO
POMODORI MARIA VARI
CICORIA DELLA MAMMA DI IAIA
................
BUSTA MALVA

MALVA ZEBRINA
ALTEA OFFICINALIS
ALCEA FICIFOLIA
----------------------
BUSTA FIORI
ANTIRRHINUM MAJUS ROSSO GIALLO
ANTIRRHINUM MAJUS MIX
ANTIRRHINUM MAJUS ROSA PALLIDO GIALLO
IPOMEA CONVOLVULUS VIOLA
TITHONIA ROTUNDIFOLIA
TITHONIA ROTUNDIFOLIA
NICANDRA PHYSALODES
NICOTIANA SYLVESTRIS

-----------------------------------------------------------

BUSTA ALTRO

LYCHNIS CORONARIA MIX
LYCHNIS CORONARIA ALBA
GAURA BIANCA
GAURA ROSA PALLIDO
AGROSTEMMA GITHAGO
GHIANDE DI QUERCIA
MORE SENZA SPINE
APIACEA MISTERIOSA FORSE CUMINO
VERBASCO
CUCUMIS SIKKIMENSIS
LUPPOLO
MIRTO
ALLIUM TRIQUETRUM
ALLIUM TUBEROSUM
OPHIOPOGON
SOLANUM LACINIATUM
HIBISCUS COCCINEUM
CALENDULA MIX
............................
ZUCCA SANTA BELLUNESE (vedi i suoi difetti su fioridiiaiablogspot)


giovedì 25 ottobre 2018

Zucca santa

Questa dovrebbe essere la zucca Santa bellunese, e fornirò i semi con questo nome, perché altrimenti non saprei come chiamarla.
O mi hanno dato dei semi sbagliati oppure si sono ibridati l'anno scorso. Comunque la zucca ha un buon sapore. Non assomiglia assolutamente a quelle ho visto fotografate su internet.

Non è riuscita ad arrivare al giorno dei Santi. Infatti bisognerebbe raccoglierla allora, ma già stava iniziando a marcire, come si vede dalle foto.


I semi stavano già germogliando all'interno della Zucca stessa.

Un difetto importante è la presenza di calcificazioni nella polpa, però tolte quelle il gusto é buono.

Calcificazioni inquietanti e particolarmente numerose.

Ho chiesto informazioni,  per capire se ho sbagliato qualcosa.

Ho cucinato una minestra, crespelle e gnocchi  (senza foto)


Tutto buono, ma le calcificazioni sono davvero brutte.

Ho quasi finito la lista semi!

mercoledì 24 ottobre 2018

Mirto!


Le mie bacche di Mirto erano proprio belle.

Non ho voluto rischiare che cadessero anche quest'anno, così le ho raccolte, ben... 86 grammi...
Ho fatto una marmellata, aggiungendole alle mele.



Qui l'aggiunta di zucchero di canna integrale

Nella marmellata ho messo anche un macerato alcoolico, sempre di bacche di mirto.
Qui ancora da filtrare.

Questo, aggiunto alla fine, ha notevolmente migliorato il colore della confettura.


Ho anche conservato alcuni semi per la banca.

Tutto questo è stato possibile grazie all' "Amico antipatico" che alcuni anni fa mi ha fornito i semi. Semi che io non ero entusiasta di seminare, perché pensavo che le piantine non sarebbero sopravvissute.
Ora ne seminerò altri, vorrei alcune piante nell'aiuoletta sulla stradina. Più cemento che terra, molto secco, ma ci vorrei provare.
Seminai le mie attuali piantine nel febbraio 2014, quindi tra tre anni le nuove potrebbero fruttificare.

martedì 23 ottobre 2018

Cornacchie?

Non mi intendo un granché di uccelli, tantopiù che sono distanti.
Mi sembrano cornacchie, ma non sento il classico gracchiare.
In ogni caso si sono radunate tutte qua.
Ce ne sono lunghe file sui cavi dell'alta tensione


Sugli alberi. Quello di sinistra non ha foglie, sono tutti uccelli

Nel prato



In volo








Penso che vogliano sfuggire ai cacciatori.




lunedì 22 ottobre 2018

Micro foto

Perché tante micro foto di fiore di Topinambur, se ingrandendolo è così brutto? e a dimensione normale è molto meglio?
Perché c'è un piccolissimo insetto, che non sono riuscita a mettere a fuoco. Si muoveva piuttosto velocemente, e con l'ingrandimento sembrava una saetta.
In alcune foto è evidenziato da una freccia












Tricyrtis 'normale'!

Sembrava che quest'anno fiorisse solo la Tricyrtys Raspberry mousse.  Invece è semplicemente Fiorita prima.ora è il turno di quella norm...