domenica 14 febbraio 2016

Le conserve della nonna

Leggevo un commento della carissima Liliana, quello sul sottovuoto, che mi ha fatto ricordare un episodio di tanti tanti anni fa.
Ero piccolina e stavo giocando con le mie amiche nella loro cantina.
Su uno scaffale c'erano le conserve della loro nonna.
Era la loro cantina e la loro nonna!
Io non ho mai avuto una cantina, e la mia nonna era una persona precisa!
Che nessuno osi immaginare che questa sia la storia di mia nonna e della mia cantina.

Su questo scaffale c'erano dei vasi di vetro che io ricordo enormi, ma che probabilmente erano anche solo da un litro, non saprei.
Altro che sottovuoto! NON erano coperti, e gli intrugli che contenevano ribollivano traboccando sullo scaffale, tra muffa e colori mai visti.
Come il calderone della strega, ma senza bisogno del fuoco.
Chiesi cosa fosse, e loro iniziarono a intingerci le dita e poi a succhiarle. 

Io non dico altro. Vorrei aggiungere l'etichetta "orripilata" alla mia già lunga serie di possibilità di classificazione, ma non sarebbe sufficiente ad esprimere il mio disgusto.



Chiudiamo con un vaso traboccante meno nauseabondo. 
Per esempio il dolcissimo vaso di miele di Winnie the pooh.



17 commenti:

  1. Hey! Avete visto che cliccando partono cuoricini? Non è stato merito mio, ma è carino. Cliccate, cliccate! in qualsiasi parte della pagina.

    RispondiElimina
  2. A me non partono i cuoricini!! uffa...
    Quanto alla cantina...vuoi vedere che la nonna streghetta preparava i fervida????? da urlo ;+)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come? Non ti partono i cuoricini? Sono taaanto carini!
      La Sig.ra L. credo che preparasse solo salsa di pomodoro e marmellata.
      L'abbiamo sempre fatta anche noi, la salsa, ma la mettevamo nelle bottiglie. Avevamo la tappatrice per mettere le "grette" (in realtà l'abbiamo ancora) poi mettevamo le bottiglie a bollire in un enorme calderone, infilando ogni bottiglia in un calzino dismesso perché non battessero tra loro... niente fermentava.
      Poi siamo passati ai barattoli, perché le bottiglie erano troppo grandi per l'uso che ne facciamo.
      Tengo a precisare, per via di quello che mi è capitato quando ho messo la foto di quei mega-ratti avvistati nella zona industriale tra Rodano e Pioltello.
      Una mia carissima amica si è fissata che quei ratti sono miei e ogni settimana mi chiede come stanno.
      Sarà passato minimo un anno, e non passa mai una settimana senza che mi chieda come stanno i miei ratti.
      Che non si ripeta quella storia! che nessuno osi insultare la memoria di mia nonna dicendo che faceva i vasi di conserva e li lasciava aperti in cantina.
      Spero di essermi spiegata chiaramente.

      Adesso!
      Luisa, dimmi cosa sono i fervida, che sono curiosa.
      Se sono cose che devono fermentare e "bollire fuori" non li farò mai, ma voglio sapere cosa sono!

      Elimina
    2. ahahah, non mi avei detto che avevi i ratti!! birichina ;-), quando vengo a trovarti porto anche Sissi così giocano assieme!!
      Le nonne sono sacre, assolutamente !! anche un po streghe...
      Non mi dire che tu, pozzo di sapere, non conosci i fervida?? io sto provando a farli di topinambur..ti saprò dire...leggi qui http://fervida.jimdo.com/, ma c'è anche una bellissima pagina su FB https://www.facebook.com/groups/143859002440406/ corri subito a curiosare , baci...p.s. continuo a non vedere cuoricini cioè all'infuori del filmato a mio uso e consumo !!

      Elimina
    3. Visti i cuoricini? Ma perché non te li fa?
      Cercherò i fervida, grazie.
      Porta pure la tua Sissi,tanto qui toponi non ce ne sono! Quelli della foto sono più grandi di lei! stavano sul ciglio della strada, con un traffico continuo di auto e camion e non si spostavano nemmeno!
      Aspetta a venire quando abbiamo scoperchiato la serra... altrimenti facile che ti arruoliamo...

      Elimina
    4. Luisa, tu andresti d'accordo con il mio (purtroppo ex) amico bulgaro. Secondo me lo conosci e non lo ricordi.
      Io ho paura delle cose fermentate. Non so come mi sono convinta a fare lo spumante di sambuco.
      Su facebook bisogna iscriversi...

      Elimina
    5. detta così"l'amico bulgaro" suona come un agente segreto ;-), era un barter dell'altro sito di scambi? non credo di conoscerlo...ma guarda sta Claudia che bisticcia pure con i bulgari...non è proprio a portata di mano ;)))))

      Elimina
    6. Ahaha! Agente segreto!
      Sì era un barter, e abbiamo litigato. Solo io posso litigare con uno che sta a 1700 km di distanza! Però la tua amica Paola dice che è possibile...
      Tra l'altro una volta mi leggeva, chissà che adesso, continuando a nominarlo, non gli fischino le orecchie e facciamo pace.

      Elimina
  3. Risposte
    1. Purtroppo storia vera! Non ti so dire esattamente la grandezza, si sa che da bambini le cose sembrano sempre grandi. Se sono cose che fanno orrore poi... si vedono e si ricordano come enormi!
      E in ogni caso sei stata tu a farmelo ricordare!!!

      Elimina
    2. Tu li vedi, i cuoricini?

      Elimina
    3. Che strano. Allora la più brava sono io, cuoricini solo per me!

      Elimina
  4. Svelato il mistero dei cuoricini: bisogna aspettare un po'.
    Nella pagina appena aperta niente cuoricini. Dopo un paio di minuti cuoricini a profusione!
    Cliccando qua e là.

    RispondiElimina

Grazie per il tuo commento.

26 maggio

Ben nascosto sotto a questa piantina di cui non ricordo il nome, c'è un Chamaecereus Silvestrii fiorito. Fave