domenica 17 gennaio 2016

Crocchette, semine e raccolto

Con le parti meno pregiate delle verdure faccio le crocchette.
Queste le ho fatte quakche giorno fa con le coste delle foglie di broccoletto all'olio. Sono meno delicate delle foglie ma sono comunque coste molto tenere e di buon sapore. Verdure meno pregiate, ma che non definirei di scarto, le divido soprattutto per garantire l'uniformità di cottura, cosa che si può ottenere anche mettendo le coste in padella due minuti prima delle foglie.

La differenza con le "ricette" di crocchette che ho già pubblicato è l'uso della farina di mais. Almeno, mi pare di non averle mai presentate così.
Le ho lessate con poca acqua e triturate e ho aggiunto cipolla soffritta molto lentamente. Nelle verdure, poca acqua compresa, ho aggiunto un paio di cucchiai di farina di mais (la verdura non era molta) e ho lasciato cuocere a fuoco basso. Andrebbe bene anche della polenta avanzata, avendone. Dopo spento ho aggiunto gomasio e grana grattugiato, ho fatto delle piccole crocchette, le ho passate nel pangrattato e le ho cotte in padella.


Di solito nelle crocchette si mettono le patate, ma mi piacciono molto anche con la farina di mais.
E' un sistema molto comodo perché permette di utilizzare la verdura direttamente lessata. Nelle ricette con patate le verdure devono essere asciugate benissimo in padella, con conseguente uso di olio per riuscire a farlo senza che brucino, e spreco di tempo.
Io devo anche fare i conti con dei problemi alle mani, e quando posso semplifico.
Prima di scoprire i vantaggi della farina di mais ovviavo sostituendo le patate con il preparato per purè, che essendo in fiocchi asciuga molto, ma non è un prodotto naturale, nel senso che contiene degli additivi. Un paio di cucchiai di farina di mais sono una soluzione direi perfetta, nel mio caso.
Ovviamente volendo si possono aggiungere anche uova, carne, o tutto quello che si vuole. Non c'è niente di più personalizzabile. Una delle mie numerose nonché carissime amiche ci mette mandorle e uvette.


I semi di pomodorini eterni che avevo improvvidamente messo a pre-germinare hanno emesso la radichetta, così ieri li ho trasferiti in una vaschetta.
Quelli erano da fotografare: radichette tutte belle allineate che formavano un'onda. Una meraviglia.

Oggi ho raccolto verdure miste: una gran varietà di brassicacee (cavolo nero, broccoletto all'olio, broccolo fiolaro di Creazzo, torasan) più qualche foglia di papavero (rosolaccio) e borragine.
Sono stata molto indecisa sul come utilizzarle. Dopo lessate erano davvero tante, così ho deciso di farne dei ravioli.




Nessun commento:

Posta un commento

Grazie per il tuo commento.

Banca dei semi!!!

Finalmente è arrivato IL BUSTONE, come viene chiamato in gergo. L'ho trovato sul davanzale, lanciato dal mio postino acrobatico Nicolas....