lunedì 4 gennaio 2021

Senecio

È la prima volta che il senecio si congela. 
Sono perfettamente d'accordo nel ritenere molto miti i due inverni precedenti, ma anche l'attuale non mi è sembrato poi così rigido. Forse, più che le temperature basse, ha influito la neve, che è rimasta a diretto contatto delle foglie per un paio di giorni.

Sapevo che avrei dovuto tagliarlo, non era possibile lasciarlo lì, così ho approfittato e l'ho eliminato subito. Già, perché temevo che la maggior parte dei rami si sarebbero ripresi, dando vita a nuovi germogli. Se veramente si fosse ripreso, mi sarebbe dispiaciuto ancora di più. Avrei anche dovuto ripulirlo dalle foglie marcite. No, tagliare drasticamente era l'unica soluzione possibile. Facendo ciò ho privato del suo rifugio un esemplare di anacridium aegyptium. Comunque è rimasto tra i rami tagliati che ho ammonticchiato sull'aiuola lì accanto, la situazione per lui non è molto cambiata.

Arrivata a circa un terzo del lavoro, ho incontrato una discreta quantità di cinorrodi di rosa La  Sevillana, la cuξκìri fioritura era passata inosservata, inglobata dal soffocante viluppo del senecio.


Avrei potuto tagliare ancora un po', non ho finito di togliere il fascio di stoloni lanciati alla conquista di nuovi territori verso Est, ma aveva ricominciato a piovere "acqua bagnata", così mi sono ritenuta soddisfatta.

1 commento:

Grazie per il tuo commento.

Foglie di ipomea batata

 Patata Americana. Sembrano poche,  ma perché sono sistemate bene. Non sono male. Durante la cottura emanano l'odore tipico delle verdur...