lunedì 16 gennaio 2017

Brassica parachinensis

L'avevo seminata in autunno inoltrato ed era spuntata facilmente.
Una buona parte l'avevo trapiantata in terra, dove nonostante l'uso di piattini-trappola con granuli antilumaca, è stata divorata completamente.

Le piantine rimaste nella vaschetta di semina si sono salvate e, nonostante le temperature fredde e lo spazio ristretto, le ho raccolte un paio di volte.

Ieri mattina sono entrata in serra per un controllo e ho notato che le piantine stavano per fiorire.
So che i vari cavoli cinesi sono soggetti alla pre-fioritura, ma con queste temperature non lo credevo possibile.

Non conosco esattamente la temperatura minima, perché non ho ancora acquistato quel termometro con memoria della minima e massima, quello che da anni mi riprometto di acquistare... Non conosco la temperatura esatte, ma non fa caldo, il ghiaccio stanotte era spesso e crocchiante, impossibile da incrinare!





Così ho deciso di raccogliere tutte le foglie e i boccioli, lasciando le radici per vedere se produrranno qualche ricaccio. In primavera potrei decidere di trapiantarle in piena terra. Osserverò gli sviluppi e deciderò in seguito.


Con queste deliziose foglie di Brassica Parachinensis ho preparato delle buonissime crepes.
Siccome ho limitazioni alimentari ho dovuto usare solo gli alimenti consentiti.
Ho usato: albumi d'uovo, farina di frumento, farina di riso, acqua, olio d'oliva, sale, noce moscata e curcuma per la pastella delle crepes.


Per il ripieno: Brassica parachinensis appena scottata, accompagnata da una finta besciamella, composta da: acqua, farina di riso glutinoso, sale, noce moscata e formaggio grana.

Perfette, non potevo desiderare niente di meglio.


4 commenti:

  1. Caspita!! ti lascio un momento e ti ritrovo cuoca eccelsa ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono pericolosa, non bisogna perdermi di vista!
      Qualche volta mi insegnerai a fare le crepe senza uova.

      Elimina
  2. Forse è il freddo che fa anticipare la fioritura,cosi ho sentito dire.valentina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oppure le condizioni disagiate. Essendo molto fitti un po' soffrono

      Elimina

Grazie per il tuo commento.

Orto a Ferragosto

C'è poco, però lo scenario è meno desolato. I pomodori, il mirto e il piccolo mirabolano in vaso, che parevano morti, stanno gettando qu...