giovedì 12 novembre 2015

Zucchine siciliane

Solo a fine stagione mi sono ricordata un'ottima ricetta per cucinare le zucchine siciliane.
Spero l'anno prossimo di pensarci prima.

Prendo zucchine abbastanza piccole e tenere, tenendo presente che sono zucchine enormi! Con un pelapatate tolgo strisce di buccia e di polpa esterna,

Le cuocio velocemente in padella con un pochino di olio e cipolla, aggiungendo una salsa di pomodoro già asciugata in padella con eventuali aromi, perché le zucchine cuociono velocemente e rilasciano acqua.
L'acidità del pomodoro frena la cottura della zucchina, ma non bisogna esagerare con la cottura, per quello preferisco aggiungere il pomodoro già asciugato.
Sul piatto si può mettere del grana.

Una saporita imitazione della pasta.

16 commenti:

  1. wow, sembrano tagliatelle ^_^, ho un piccolo attrezzino che le trasforma in spaghetti senza cuocerle le condisco con olio, limone e un'erba aromatica basta lasciare riposare una mezz'oretta e diventano "cotte" e buonissime

    RispondiElimina
  2. Io l'attrezzino non ce l'ho, così faccio o dei bastoncini sottili a imitazione spaghetti oppure queste "tagliatelle" col pelapatate.

    Le zucchine siciliane le ho fatte crude per un certo periodo, ora non mi piacciono più.
    Le trovo troppo "cetriolose" per mangiarle crude.
    Siccome sono molto più acquose di quelle nostrane, si fanno a fette larghe sottili (le facevo sempre col pelapatate, ma più larghe), sempre utilizzando solo la parte esterna. Poi si mettevano sotto sale e aceto, dopo un po' si strizzavano, poi si condivano con olio e aglio.
    Si possono anche mettere sott'olio nei barattoli di vetro. Ne avevo fatte tantissime, il primo anno avevo davvero un'infinità di queste zucchine, così alla fine mi hanno stancato e non le voglio più.

    RispondiElimina
  3. quest'anno da noi le zucchine sono state molto scarse, che peccato!! ma invasavi queste siciliane o quelle nostrane? la ricetta è complicata?..chissà magari l'anno prossimo il raccolto sarà migliore...

    RispondiElimina
  4. Quelle siciliane.
    Ricetta semplicissima, ma... ci sono tre MA:
    Mi sono stancata. Il primo anno ne avevo così tante... ne ho date a tutti, ma sono riuscita a stancarmi incredibilmente.
    Erano talmente tante che mi ero messa a fare vasi enormi, quelli da kg. inoltre...
    Non sono pratica a fare i sottoli e me ne sono andati a male un paio di vasi.
    Probabilmente perché non mi piace usare tanto olio! i sottoli vanno completamente immersi nell'olio.
    La ricetta è quella che ho già scritto.
    Zucchine siciliane. Le nostrane sono troppo fragili per subire tale trattamento.
    Col pelapatate fare tante strisce con la parte attorno, se sono giovani si tiene anche la buccia, se la buccia è mediamente dura si usa per una minestra.
    Si continua a sbucciare, facendo delle strisce il più larghe e lunghe possibile. Non cambia niente, ma mi dissero che si usa così.
    Si mettono tutte le strisce in una scatola o un'insalatiera o una pentola con coperchio (non di alluminio)
    Ci si mette sale,
    Fanno tantissima acqua. Si strizza l'acqua.
    Questa può essere usata per fare la minestra. Quindi all'inizio non va molto sale.
    Si aggiunge sale e aceto.
    Se esce altra acqua si elimina. Si possono mettere in un telo e usarlo per strizzarle ancora di più o anche metterle nello schiacciapatate.
    Si asciugano benissimo e si mettono in un vaso con olio, sale, aceto e aglio.
    Si possono mangiare dopo un paio di giorni oppure conservare sott'olio.
    Ma qui viene il problema!
    A me un paio sono andati a male.
    Consiglio di conservarle sott'olio solo a chi abbia davvero pratica di questo tipo di preparazione.
    Si conservano assolutamente crude! E nell'olio il botulino può prosperare.
    IO NON LO RIFARO'!
    Preferisco non rischiare.
    Sai cosa? Faccio un post "appost" con la spiegazione dettagliata.

    Se vuoi dei semi di siciliana dimmelo subito, perché NON ne ho tantissimi!
    Non che ce ne vogliano tanti, il primo anno una pianta mi ha fagocitato mezzo orto ed è espatriata dai vicini, ma ho tante richieste.
    Quindi prenota subito. ;-)

    RispondiElimina
  5. GRAZIE, no, no tieni i semi per le richieste Mauro ha già organizzato l'orto per l'anno prossimo..se gli propongo altri semi lo metto in crisi ^_^

    RispondiElimina
  6. Ahah! Con questa "bestia" lo metteresti in crisi davvero!!! Ora abbiamo una pergola apposita e cerchiamo di avvilupparla su se stessa ma il primo anno ci ha prese alla sprovvista, era diventata un MOSTRO.

    RispondiElimina
  7. Sono mezza palermitana e a Palermo la "cucuzza", così la chiamano i palermitani,si cucina in umido con cipolla,pomodorini e basilico e si mangia con la pasta corta liscia o come contorno.
    Sono una di quelle in fila per i semi avendo persi quelli storici.
    Io l'adoro!!
    non l'ho mai conservata se non congelata.
    Non conservo nulla sotto olio ho il terrore del botulino,conservo tutto in salamoia sia agro-dolce che no tutto da crudo con salamoia bollente,si può sempre condire con olio al momento del consumo.
    Cara Claudia per fortuna qui lo spazio non manca e la "bestiola" potrà crescere liberamente.

    RispondiElimina
  8. Senti, la cucuzza, in che forma e misura si taglia, per la ricetta che mi hai indicato?
    Ho notato che forma e misura del taglio influisce molto nella riuscita. Con altre verdure no, ma con questa secondo me si.
    In ogni caso il risultato non deve essere molto diverso dal mio, gli ingredienti sono simili.

    La mia amica dice che da lei (non ricordo mai il nome del suo paese) si fa "a minestrina" cioè a julienne nel brodo con pastina.

    Quindi metti salamoia bollente ma senza fare bollire le verdure? Io una scottata preferisco dargliela!

    Certo che ho i semi per te!!!
    Si può dire che le ho mandate a seme apposta per te!
    Li vuoi subito?
    Non te li ho mandati perché speravo di aggiungere qualche altra cosa, ma ormai i semi per la banca sono partiti, quindi non mi è rimasto molto da offrirti.
    Deciso: appena riesco ad andare in posta te li mando.

    RispondiElimina
  9. La cucuzza la sbuccio tolgo i semi e la taglio a tocchetti e la cucino da cruda senza bollirla,io tutte le verdure le cucino da crude,tranne le erbette spontanee della campagna.
    Mai sentito di cucuzza a julienne!!!!!
    Se fai bollire le verdure, anche solo una scottata, diventano molli,se metti salamoia bollente chiudi subito
    va tutto sotto vuoto e si conserva tutto benissimo e croccante,odio le verdure mollicce.Certo il segreto sono tappi nuovi senza risparmio.
    Non c'è fretta per i semi,tanto fino a primavera non pianto.
    Mandali pure quando ti fa comodo.
    Grazie

    RispondiElimina
  10. Grazie.
    Anche io di solito non scotto le verdure prima di cucinarle. Solo le verdure pelose, tipo borragine, per essere certa che siano pulite.

    Riguardo il croccante hai ragione, ma con solo una scottata non mi fido. Continuerò a sterilizzare.

    Ciao!

    RispondiElimina
  11. Fidati fidati in salamoia non c'è pericolo di botulino.
    Anche sulla pagina del Ministero della Sanità,quando si parla di conserve,si dice che sono solo i sotto olio i pericolosi.

    RispondiElimina
  12. E io che faccio le conserve in agrodolce?
    Acqua, sale, zucchero, olio, aceto?
    Cotti e sterilizzati non sono mai andati a male.
    Ultimamente ho iniziato a non farli cuocere prima. Metto la verdura direttamente nei barattoli, aggiungo l'agrodolce, metto a cuocere a microonde finché bolle tutto uniformemente e poi chiudo.

    Ti stavo per scrivere una mail. Aggiungo un bulbetto di anredera?

    RispondiElimina
  13. Al posto dell'acqua io metto vino bianco e niente olio.
    Prova.
    Ma cotte al microonde le verdure restano croccanti?
    Anche a me non è andato mai a male nulla.
    I bulbetti sono sempre graditi ma cosa è l'anredera???
    Grazie

    RispondiElimina
  14. Vino bianco... non mi piace il vino!

    Il microonde non è tanto per renderle croccanti (non ho il permesso di fare verdure croccanti)
    Mi dà un po' di tranquillità sul fatto che tutto il contenuto del vasetto sia a 100 gradi al momento della chiusura.
    Lo metto nel microonde aperto (altrimenti esplode il vaso e il microonde) faccio bollire e quando bolle bene e dappertutto chiudo e metto in uno scatolone termico, isolato con cuscini, coperte e quant'altro.
    Sostituisce la sterilizzazione di mezz'ora in pentola.
    In pentola il calore raggiunge l'interno del vaso lentamente, nel microonde è più immediato.
    Se lo faccio bollire a potenza bassissima per non fare traboccare il contenuto per almeno un paio di minuti sono certa che il 100 gradi li ha raggiunti dappertutto.

    Direi di continuare ognuna con le sue ricette, visto che ci piacciono e non vanno a male! E chi ha sempre fatto con successo i sottoli che faccia anche quelli.

    Anredera... mi sono resa conto che sugli amici dell'orto non se ne parla. Farò un piccolo articolo in proposito.

    RispondiElimina
  15. Io le assaggerei in tutti i modi: con vino, con olio e con aceto e anche con sale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Direi che sembra un complimento, quindi grazie.

      Elimina

Grazie per il tuo commento.

Se non puoi cucinare i pizzoccheri

È sempre la solita storia: non posso mangiare cose integrali, con i semi, con i pezzettini...  però la pasta con le verdure si può fare.  An...