martedì 27 dicembre 2016

Come ho ridotto l'umidità

Quasi tutti in inverno soffrono per l'aria troppo secca in casa, ed utilizzano umidificatori elettrici o mettono vaschette con acqua sui termosifoni.
Io ho il problema opposto, la percentuale di umidità è troppo alta.
In queste festività non ho cucinato molto più del solito, ma anche semplicemente cuocere una minestra o un piatto di pasta produce una certa quantità di vapore che si va ad aggiungere a quella generata dalle piante, dal nostro respiro o dall'uso dell'acqua calda, e va a condensarsi sui muri e sugli infissi.
Per ridurla un pochino usavamo la cappa aspirante, ma la nostra non ha uno scarico esterno e non aveva una grande efficacia.

Da qualche giorno ho iniziato a mettere un ulteriore coperchio sollevato e inclinato, sopra al coperchio normale. Oggi ho migliorato ulteriormente il metodo usando una vaschetta di plastica, e funziona anche meglio, perché il vapore si può indirizzare più facilmente, tenendo un angolo più in basso rispetto agli altri, ed essendo leggera non farebbe danni in caso di caduta.

Il vapore che sfugge dal coperchio incontra questo ostacolo, si condensa e gocciola sul piano del fornello. E' acqua pulita, è come se fosse distillata, non lo danneggia, e in ogni caso il fornello va pulito dopo ogni utilizzo, alcune gocce d'acqua in un angolo secondo me non sono un grande problema.
L'ho usata anche sulla pentola a pressione, facendo attenzione che non toccasse in nessuno modo le valvole. 
La casa è più asciutta, e non devo sopportare il rumore della cappa.
Spero che possa essere utile a qualcuno.

Nessun commento:

Posta un commento

Grazie per il tuo commento.

Foglie di ipomea batata

 Patata Americana. Sembrano poche,  ma perché sono sistemate bene. Non sono male. Durante la cottura emanano l'odore tipico delle verdur...