mercoledì 2 novembre 2016

Ricetta da non ripetere

Se vi ritrovate nell'orto o in giardino una grande quantità di Calendula arvensis, bella, tenera, appena spuntata,
In fondo una parte di "zucca-mostro". E' ancora viva, vegeta e pimpante, e ogni giorno raccolgo qualche fiore.

Se ormai è autunno inoltrato, quindi la suddetta calendula non fiorirà,

Se vi pare uno spreco lasciarla in balia delle gelate e volete evitare tale spreco,

Se leggete in rete che le foglie di Calendula arvensis sono deliziose,
Se pensate che erbe deliziose + semi di miglio = minestra deliziosa...
Lasciate perdere.
La calendula non è velenosa, perché sono ancora viva e vegeta, ma è amara.
Mai più.
Mangio erbe anche più amare, ma questa non mi è piaciuta.


2 commenti:

  1. Io una volta ho fatto un risotto con i petali di calendula. Ho buttato tutto era si giallo come lo zafferano ma amarissimo.Alcune ricette sono fasulle eppure io l'avevo presa da un noto sito . Valentina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Valentina, grazie per la visita e la testimonianza.
      Avrei provato i petali, mi hai risparmiato di buttare un risotto!

      Elimina

Grazie per il tuo commento.

Gnocchetti... verdi

Avevo avanzato un po' di patate vitelotte e batate. Ho messo assieme degli gnocchi, con aggiunta di albume e un po' di farina. Erano...