venerdì 18 marzo 2016

Insalata russa in barattolo

Ho aperto il primo vasetto di preparato per insalata russa.
Non male.
L'ho inventato la scorsa estate, così per caso. Del resto si sa, così è accaduto anche per alcune delle più grandi invenzioni della storia. ;-)

Ero in vacanza, e stavo preparando i soliti mix di cetrioli/scalogno/carota in agrodolce, quando mi sono accorta di non avere scalogno a sufficienza. Potevo ridurre la percentuale e distribuire equamente lo scalogno nei vari barattoli, non c'è una regola fissa riguardo la percentuale di scalogno da mettere, ma io devo sempre inventarmi qualcosa.
Così ho fatto i primi barattoli con un terzo ciascuna delle suddette verdure e negli altri ho sostituito lo scalogno con le patate.
Cetrioli e carote sono risultati belli croccanti e le patate non croccanti ma sode.
Per ricavare l'insalata russa basta sgocciolare le verdure e aggiungere la maionese, un impegno di pochi minuti, è più veloce che andarla a comperare e scommetto più genuino.
Lo so, di solito nell'insalata russa si mettono anche i piselli. Ammetto che senza il verde il risultato è meno decorativo, ma riguardo il gusto non ne ho avvertito la mancanza.
Siccome le verdure erano croccanti l'ho preparata solo per me, così ci ho aggiunto yogurt denso anziché maionese. Ci ho messo Yogurt tipo greco perché le verdure erano umide. Come alternativa le verdure si possono asciugare in un canovaccio adatto al contatto con gli alimenti, cioè veramente pulito (non lavato con ammorbidenti o detersivi profumati).

Liliana, che spesso passa di qua, mi ha consigliato di fare le conserve senza olio.
La prossima estate ci proverò senz'altro e farò il preparato per insalata russa "light" ma olio ne metto davvero poco, un filo sopra per isolare il preparato dalla poca aria che c'è tra il prodotto e il coperchio.

La mia aiuola di fagioli e patate, immagine di repertorio
Continuo a raccogliere, ormai il raccolto è così abbondante da non meritare segnalazioni. Anzi, ho iniziato a raccogliere i ciuffetti di tetragonia anziché le singole foglie. Raccogliendo i ciuffetti non si formeranno quei bei tralci lunghi e la produzione ne risentirà moltissimo ma in questo periodo non riesco a fare le cose al meglio, bisognerà accontentarsi.

Continuo anche a seminare. Ho seminato in piena terra alcuni fiori. Non posso fare semenzali in vaschetta per tutto, non avrei spazio per metterle, così alcuni semi li affido alla selezione naturale.

Nessun commento:

Posta un commento

Grazie per il tuo commento.

Orto a Ferragosto

C'è poco, però lo scenario è meno desolato. I pomodori, il mirto e il piccolo mirabolano in vaso, che parevano morti, stanno gettando qu...