domenica 22 gennaio 2017

Sapone a caldo

Una tra le amiche che mi hanno contagiato la mania del sapone fatto in casa continua a migliorare e diversificare la sua produzione.
Ha iniziato a fare il sapone con il metodo a caldo, e ovviamente ci ho voluto provare anche io.
L'esperimento non è andato bene, e non è il primo fallimento di saponificazione.
😞😞😞
Ogni tentativo di miglioramento nel mio caso ha portato a un peggioramento:
L'utilizzo dell'acido citrico è stato solo deleterio, l'uso dell'olio di cocco al posto dello strutto a dir poco disastroso, e il cocco col metodo a caldo non è certo risultato migliore: sapone granuloso e rancido.
Ottengo solo di sprecare tempo e ottimi oli essenziali.

Lo strutto non è "fine," è considerato disgustoso dai più, mentre l'olio di cocco è esotico e di moda.
Vuoi mettere la differente reazione di chi sente dire: "questo sapone contiene strutto"  e "questo sapone contiene olio di cocco"?
Inoltre mi sento un po' a disagio, quando acquisto lo strutto al supermercato: nessuno fa il sapone in casa, e lo strutto nel carrello dà l'impressione che sia la base della mia alimentazione.

Anche il mio olio preferito sarebbe proibito in saponificazione, così negli ultimi tentativi ho usato cocco, mais e oliva.
Ora penso di avere dato al cocco fin troppe possibilità.
Vedrò di consumare il più velocemente possibile i saponi sperimentali, poi tornerò alla mia ricetta preferita, a base di strutto e di quell'olio secondo gli altri inutilizzabile.
Se gli altri hanno buoni risultati con altre ricette, fanno bene ad usarle.
Mi dispiace soprattutto perché ne ho dato alcuni pezzi a un amico. Terribile.


Documentazione del sapone a caldo.
I vantaggi di produrre sapone a caldo dovrebbero essere molteplici: si inizia con un'alta percentuale di soda, che saponifica completamente i grassi iniziali, poi si aggiungono grassi pregiati, che restano disponibili per alleggerire il sapone e ammorbidire la pelle.
Gli oli essenziali si possono aggiungere assieme ai grassi pregiati, così subiscono meno l'aggressività della soda, mantenendo aroma e proprietà.
La reazione è già avvenuta, e il sapone è utilizzabile senza doverlo stagionare.
Tutto questo accade agli altri. Il mio è venuto molle, granuloso e con odore di rancido.
Gli ingredienti frullati

Il composto sta cuocendo a bagnomaria


Il composto è molto denso, l'ho faticosamente messo negli stampi


Il sapone sformato. Granuloso, non solidifica, ha un cattivo odore. 

Promemoria per me, e solo per me: Olio di cocco? Vietato riprovarci!
Potrei riprovare il metodo a caldo con lo strutto, ma basta cocco, basta mais e basta oliva.

7 commenti:

  1. Risposte
    1. Luisa! Tu lo usi l'olio di cocco? E il metodo a caldo?

      Elimina
    2. No, mai usato l'olio di cocco , ma il metodo a caldo si e credo serva principalmente ad accorciare i tempi di stagionatura, gli o.e. e i "grassi" nobili si possono aggiungere anche con il metodo a freddo, ma non sono un'esperta mi accontento dei miei saponi semplici, semplici ^_^

      Elimina
    3. Grazie, carissima Luisa. Sai che a me piace tanto fare esperimenti, ma in questo ultimo mese ne ho fatti a sufficienza. Sapone semplice semplice anche per me in futuro

      Elimina
    4. Sì, si possono aggiungere alla fine anche nel sapone a freddo, ma nel sapone a caldo il grosso della reazione è già avvenuto quindi gli oli essenziali e i grassi aggiunti risentono di meno dell'azione della soda, che si è già neutralizzata

      Elimina
  2. Lo strutto sarebbe molto più ecologico dell'olio di cocco.
    Purtroppo esistono queste mode cretine verdognolastre che con la solita esterofilia per babbei ti spacciano varie nefandezze come cose 'green & trendy'.
    Scrivo sarebbe se non fosse che per la spaventosa sovrappopolazione italiana e mondiale esistono gli allevamenti intensivi anche suini che sono un problema.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti il sapone con strutto è ottimo. Anche con l'olio usato che mi fornisce la vicina Sandra, solo la lavorazione é più lunga.
      Inoltre col tempo ho sviluppato una tecnica mista tra saponificazione a freddo e a caldo, che ha reso il tutto molto più semplice. Non risolve il problema degli oli essenziali, ma sono soddisfatta dei risultati.

      Elimina

Grazie per il tuo commento.

La prima batata

Forse anche l'unica, ma siccome l'ho trovata non appena ho scostato la terra, penso che ce ne saranno altre. Non credo di avere un r...