martedì 18 dicembre 2018

Ravioli di zucca

La carissima Liliana mi ha incoraggiata a rifare i ravioli, non li preparavo da parecchio.  Vabbè, lei aveva suggerito i tortellini, ma i ravioli sono più veloci.


Ieri avevo dichiarato di essere quasi certa di non avere mai mangiato i ravioli di zucca dolci, e infatti era vero: anni fa avevo mangiato, ospite di mia cugina, dei ravioli dolci, ma senza zucca, con amaretti e caramelline di menta. Era la versione Lodigiana dei tortelli cremaschi.

Così ieri ho preparato il ripieno, oggi ho assemblato i ravioli, e a pranzo li ho mangiati .

Il problema era la zucca, buona ma non farinosa. Per ovviare ci ho aggiunto una patata lessata e anche dei fiocchi di patate. 
Insomma, una via di mezzo tra i tortelli mantovani e i ravioli dell'Ucraina.
Poi amaretti, (interi, perché tanto poi si ammorbidiscono e si sciolgono), mostarda tritata, noce moscata ( che io non avrei messo, ma mi hanno detto che "ci vuole"), grana e... mi pare niente altro. Forse il sale.
Pasta all'uovo, con farina tipo 1, uova e albumi, non molto sottile. Il sale nella pasta non lo metto.

Con uno spicchietto di zucca, aggiungi questo e quello, ho ricavato 174 ravioli, come a dire 12 porzioni.

Parte dei 174 ravioli 
Come dicevo, oggi a pranzo li ho già mangiati. Sono strani, perché non sono abituata a mangiare cose dolci, però sono buoni, e la noce moscata non era fastidiosa. Direi che l'esperimento è riuscito, ed eventualmente ripetibile.
Gli altri ravioli? Ora vado a congelarli.

2 commenti:

  1. Auguroni Claudia, Valentina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Valentina! Tanti auguri e un abbraccio anche a te!

      Elimina

Grazie per il tuo commento.

La prima batata

Forse anche l'unica, ma siccome l'ho trovata non appena ho scostato la terra, penso che ce ne saranno altre. Non credo di avere un r...