domenica 7 gennaio 2018

Addio alla bambolina

Tanti tanti anni or sono, cucii questa bambolina di
 stoffa.

Qualche giorno fa ho notato che ormai era sporca e rovinata dal tempo e ho scattato queste foto come ricordo, prima di buttarla via.

La prima annotazione riguarda i capelli. Sebbene io abbia usato dei fili molto più lunghi di quanto mi sembrasse necessario, come si vede i capelli sono ancora piuttosto corti. Occorre abbondare!

Lo scialle è completamente tarmato. Si tratta di un nastro di Möbius, lavorato a uncinetto. All'epoca mi venne la curiosità di sperimentare questa superficie "magica," con un solo lato e un solo bordo, e la lavorai già così, non preparando una striscia e cucendola dopo.

        

La gonna, decisamente troppo lunga, e il pagliaccetto sono ricavati da avanzi di tessuto. C'erano arricciature di elastico rosso al collo e alle gambe, ora quasi sparite.
Alle bamboline "belle," quelle che non ho tenuto, facevo i mutandoni con il pizzo, questa fu una soluzione veloce, dettata dalla pigrizia.

La bambolina non ha mai avuto un nome, e non ha senso darglielo ora. Ora do un nome anche alle farfalle che in inverno si stabiliscono in casa, rallegrando l'ambiente...
Ecco Tarcisio.

2 commenti:

Grazie per il tuo commento.

La prima batata

Forse anche l'unica, ma siccome l'ho trovata non appena ho scostato la terra, penso che ce ne saranno altre. Non credo di avere un r...