venerdì 28 luglio 2017

Sapone

Non riesco a capire.
Il sapone da bucato mi riesce bene, le saponette sono sempre troppo unte. La penultima volta le ho rilavorate, con buon risultato.
Questa volta le ho prima coperte e dopo sformate appoggiate su dei panni assorbenti per eliminare l'eccesso di olio.

L'ho fatto usando bilance diverse, ho controllato che non ci fossero errori nel mio foglio di calcolo ma niente.
La prima volta ho pensato di avere fatto confusione. Che so, di avere sbagliato a sottrarre la tara, o di avere scambiato il peso dell'acqua con quello della soda... Stavolta sono stata attentissima e errori non ce ne sono stati.
Sembrava venuto benissimo: un nastro quasi immediato, una bella pasta cremosa che ho versato negli stampini facendoli colmi. Poi la delusione, ha iniziato a mandare fuori olio.




Sono arrivata a pensare alla teoria del complotto. Ho pensato che potrebbero avermi venduto un olio diverso, con un coefficiente di saponificazione più alto.

La prossima volta farò un minimo del 3% di eccesso di soda.


Le "decorazioni" sono fatte con un po' di impasto che era rimasto nel contenitore dove avevo frullato il sapone. Ho sbagliato ad aggiungerle. Non hanno rilasciato l'eccesso di olio e non hanno fatto la reazione al caldo.
Le saponette sono fatte con oleolito di rosmarino e mandarino, con olio essenziale di limone.




Il sapone da bucato. Profumato con olio essenziale di limone e di canfora.



Ha avuto una reazione a vulcano! In questo periodo ho i minuti contati, così non l'ho versato negli stampi, nemmeno nelle bottiglie di plastica come facevo di solito. L'ho frullato in questa bacinella e qui l'ho lasciato, poi tagliato col coltello.




Preparato verso le 14, alle 19 già faceva questa schiuma. Quasi non si vede la mia mano.

La mattina seguente l'ho usato per fare il bucato a mano. Lo so, non andrebbe toccato per 15 giorni, ma il mio era già perfetto da subito.


Nessun commento: