martedì 7 ottobre 2014

La zucca "tipo Hokkaido" verde

Oggi sono contenta: ho incontrato una delle mie "amiche di piante"
Incontro veloce, ma piacevole.

Stamattina ho aperto la piccola zucca tipo Hokkaido ibrida, quella di colore verde con macchiette arancioni nella parte esposta al sole.









Ne ho offerta metà, e metà della metà che è rimasta a me (un quarto... ) l'ho cucinata con funghi champignon acquistati, un po' di olio e le mie erbe aromatiche.
Probabilmente perché i funghi rendono buona qualsiasi cosa cui vengono aggiunti, ma il risultato è stato ottimo.
Proverò l'ultimo quarto con una ricetta più neutra.
Non so se tenere i semi.
Questa zucca era già ibrida di suo, e sicuramente si è di nuovo ibridata quest'anno con le altre zucche, perché io non le isolo.
Si accettano suggerimenti.

Ho raccolto un peperone ancora verde.
Per forza. Appena l'ho toccato per controllarlo si è staccato.
L'ho usato per cucinare un risotto peperone e mela. Buono!

In questi giorni ho avuto molto da fare, quindi niente lavori nell'orto

7 commenti:

  1. Ciao Claudia,io proverei a tenerli i semi,solo per la curiosità di vedere cosa potrà nascere.
    Sarà un esperimento, ma come anche tu insegni,l'orticultura è tutto un'esperimento.

    RispondiElimina
  2. Hai ragione!
    Ma alcuni esperimenti sono più impegnativi di altri.
    Lo spazio nell'orto non è tantissimo, rispetto alla moltitudine di varietà che vorrei coltivare,
    e sperimentare una zucca richiede un discreto impegno di spazio.
    Poi l'orto lo devo lavorare e coltivare ma non è mio, devo chiedere il permesso. Più la pianta è grande e non sicura e più è difficile ottenere lo spazio necessario.
    Poi ci sono gli scambi di semi a "rovinarmi" del tutto!
    Non ho ancora ricevuto niente, ma sono in trattativa per due tipi nuovi di zucche (sig!) e un cetriolo forse himalaiano, e altre bellissime ed interessantissime piante, cui dovrò trovare un posto.
    Vedi? Non so resistere alle tentazioni e tutto non ci sta!
    Vuoi aiutarmi e fare tu l'esperimento?

    RispondiElimina
  3. è bellissima, direi da arredamento!
    sai Iaia che noi giardinicole non invecchiamo mai perchè pensiamo sempre al futuro!

    RispondiElimina
  4. Questo è vero!
    Ho una lista d'attesa per le semine per i prossimi tre anni...

    Vuoi seminare una zucca che se non si è ibridata produrrà bellissime zucche, quasi da arredamento?

    RispondiElimina
  5. Ha ragione Sara,non invecchiamo mai perchè pensiamo sempre a cosa piantare domani,non invecchiamo con la testa per il resto...
    Anch'io sono presa dalla "fregola" di piantare ed aspetto con ansia il momento per fave,ceci,agli e chi ne ha più ne metta,qui niente serra.
    Credi che nel clima salentino la zucca "bastardella",poverina mi fa quasi pena,possa crescere? Se si esperimento con piacere,mi darai poi tu le dritte per una buona coltivazione.
    Qui per fortuna volendo ci sta tutto e di più.
    A proposito i miei asparagi sono favolosi piante belle grandi e rigogliose,sono molto contenta, se pensi che sono nati da seme, ora con calma e tempo aspetto gli asparagi veri.

    RispondiElimina
  6. Non ho esperienza di cosa possa crescere nel Salento, ma la zucca mi sembra un vegetale estremamente adattabile, penso che non avrà problemi.
    Io devo farle crescere sulla struttura della serra, quindi fatico ad isolare e impollinare i fiori e devo badare che i frutti non crescano incastrati tra le maglie della struttura della serra, è un po' faticoso cimarle ecc.
    Se hai spazio penso che non dia nemmeno tanto da fare, basta lasciarla andare, e mettere qualcosa sotto ai frutti perché non restino a contatto con il terreno, ma tu sarai più esperta di me, che non ho mai potuto coltivare zucche "libere".
    Aggiungo qualche seme a quelli che ti ho già messo da parte.
    Poi non pretendo un resoconto, se non riesci a seminarle non importa.

    Sai che anche io ho gli asparagi da seme? Erano ben tre piante (!) ma una è morta e delle due rimaste produce buoni turiosi solo una pianta... l'altra fa asparagini sottili e duri.
    Però sono contenta, perché sono molto gustosi rispetto a quelli che si comperano, poi ho la soddisfazione di averli seminati da me.

    RispondiElimina
  7. La bustina per Liliana è pronta.

    RispondiElimina

Grazie per il tuo commento.

Orto a Ferragosto

C'è poco, però lo scenario è meno desolato. I pomodori, il mirto e il piccolo mirabolano in vaso, che parevano morti, stanno gettando qu...