giovedì 20 settembre 2018

Marmellate senza semi

Il mio "amico antipatico" è un sopraffino produttore di marmellate, conserve e liquori. Purtroppo non è molto pratico nel togliere i semi della frutta che utilizza, così l'operazione lo impegna per un tempo piuttosto lungo. Nonostante sia uno dei pochi che seguono costantemente le stupidaggini che scrivo sui Fiori di Iaia, gli deve essere sfuggito il mio suggerimento riguardo l'uso dei filtri, perché ieri ha incontrato non poche difficoltà appunto nel produrre una delle sue fantastiche marmellate.
Così, anche se ho ancora diverse foto da pubblicare, ma che ho per il momento accantonato perché non ho il tempo per selezionarle e ridurle, ho deciso di inserire questo post, che è molto più veloce.

Io ho una centrifuga, anzi due, perché una era della nonna. Queste centrifughe saranno
senz'altro utilissime per certi tipi di frutta, ma non per quelli che uso io. Principalmente io tolgo i semi a uva, fichi e more, cioè a frutti che raccolgo in abbondanza in certe stagioni e che devo conservare, in genere congelati oppure sotto forma di marmellata. All'inizio usavo la centrifuga ma come detto non funzionava. Ora ho sviluppato un altro sistema: metto la frutta pulita e lavata, eccetera, nel bicchiere del frullatore ad immersione, se si tratta di frutta asciutta, per esempio i fichi, aggiungo anche un pochino di acqua. Frullo poi passo attraverso dei sacchettini fatti da me con il tessuto che abitualmente si usa per le tendine. Si può poi aggiungere dell'acqua alla polpa rimasta, frullare di nuovo e passare di nuovo. Questa seconda passata, ovviamente, la uso subito come bevanda e non la trasformo in marmellata. Per le persone più raffinate, esistono anche dei filtri appositi in commercio. Non chiedetemi dove si comprano.

A volte è più conveniente passare la polpa prima in un filtro più grande e poi in uno più piccolo. Uso questo sistema anche per sgocciolare l'eccesso di liquido nei pomodori, dopo averli passati nella macchina passapomodoro.

Ecco un filtro a trama grossa e uno a trama più piccola.


Sto dettando dal cellulare mentre riordino in casa, quindi perdonate gli errori.

Nessun commento:

Posta un commento

Grazie per il tuo commento.

Orto a Ferragosto

C'è poco, però lo scenario è meno desolato. I pomodori, il mirto e il piccolo mirabolano in vaso, che parevano morti, stanno gettando qu...