sabato 27 febbraio 2016

Sento la primavera

Ieri la giornata è stata nuvolosa, ma c'è già aria di primavera.
I prati sono pieni di veronica, margherite, violette e Lamium, qualche fiore fa capolino in giardino, l'aria è fresca ma più leggera.

Le verdure da foglia crescono a dismisura: insalata e cicoria sono sempre più spesso la mia portata principale e sto iniziando a tormentare i vicini per offrire l'inevitabile sovrappiù.
In questi giorni ho raccolto lattuga, foglie di papavero e Torasan.

Poi ho raccolto il sedano rosso e qualche piantina di barba di becco

Il sedano in questa stagione è un po' fibroso, così per tritarlo ho fatto una "salsa verde" con maionese finta, due sardine, e pangrattato.

E' la prima volta che raccolgo la barba di becco (Tragopogon porrifolium) e non ho ancora deciso come assaggiarla. Ho scritto assaggiarla, perché sono solo tre piantine, mi dispiace raccogliere piante che fanno fiori così belli.

Le piantine di zucchina stavano morendo tutte nella vaschetta, così ho trapiantato le due superstiti più due malconce in terra in serra. Le malconce sono seccate, ma quelle belle sembrano essersi ben ambientate.

Le altre cucurbitacee stanno benissimo, tranne le True green hubbard che non spuntano. I semi hanno qualche anno e forse non sono più vitali.

Ho trapiantato in serra le altre piantine di bietola selvatica. Nonostante la protezione, quelle all'aperto sono state rovinate dai gatti.

Devo iniziare ad organizzare le semine di pomodori. Ne voglio provare tantissime varietà nuove e non voglio fare confusione.
Colpa di un amico che mi ha mandato una quantità spropositata di semi da provare... e gliel'avevo detto che non ho spazio per tutti questi esperimenti!
Devo trovare il modo per non mescolarli.

Nessun commento:

Posta un commento

Grazie per il tuo commento.

26 maggio

Ben nascosto sotto a questa piantina di cui non ricordo il nome, c'è un Chamaecereus Silvestrii fiorito. Fave